Fotografare le nuvole

Le nuvole sono uno tra i soggetti più fotografati al mondo a causa del loro fascino e delle molte variabili che possono avere. Sono un soggetto semplice che può dare enormi soddisfazioni, a patto di conoscere alcuni piccoli trucchi.

 

Quale obiettivo utilizzare

A seconda dell’immagine che volete realizzare dovete utilizzare un obiettivo grandangolare oppure un tele. Per le immagini ravvicinate delle nuvole è consigliabile almeno un obiettivo che si possa spingere fino a 200mm o 300mm, mentre se volete fotografare un paesaggio con delle nuvole può andar benissimo anche un grandangolare come il 16-35 o il classico ed economico 18-55.

Impostazioni della macchina

Generalmente le foto delle nuvole si fanno di giorno, per questo il consiglio che vi dò è quello di utilizzare la priorità di diaframma impostandolo a f5.6 se è una giornata nuvolosa e a f9 se è una giornata molto soleggiata, ed utilizzate ISO 100 oppure ISO 200.

Utilizzo la priorità di diaframma perché se usate la priorità di tempo ad esempio impostando il tempo dell’otturatore a 1/500 potreste avere diaframmi troppo chiusi (ad esempio f22) che portano ad un decadimento molto elevato della qualità dell’immagine.

Esposizione

E’ importante fare in modo che le nuvole non siano mai sovraesposte, cioè con zone totalmente bianche, per verificare di non fare questo errore osservate l’istogramma e fate in modo che non sbordi mai dalla parte destra della foto.

Filtro polarizzatore

Se volete fare splendide foto di nubi e cieli dovete assolutamente comprare un filtro polarizzatore, uno strumento fondamentale per eliminare riflessi e creare paesaggi unici.

Effetto movimento ed effetto seta

Per fare foto delle nuvole con un effetto movimento (chiamato anche effetto seta) è necessario tenere aperto l’otturatore per molti secondi. Durante una giornata soleggiata è possibile solamente utilizzando un filtro ND (Neutral Density) che fa passare meno luce nella fotocamera consentendo così di utilizzare tempi più lunghi. Potete acquistare un filtro ND8 per ridurre di molto la luce, ma quello che vi consiglio è di fare questo tipo di fotografie al tramonto o in giornate non troppo soleggiate in cui quindi potete sfruttare la poca luce presente e magari utilizzare anche il filtro ND per poter creare l’effetto desiderato.

Utilizzare Photoshop

Per aggiungere drammaticità, contrasto e dettaglio alle nuvole è utile soprattutto la funzione Ombre/Luci di Photoshop.

In pochi istanti soprattutto utilizzando la funzione Luci si possono ottenere fantastiche elaborazioni.

Nuvole rare

Pensate che fotografare nuvole sia semplice, e pensate di esservi stufati dopo solo qualche scatto.

Ci sono decine di tipi di nuvole che aspettano di essere fotografate, fenomeni atmosferici che si manifestano molto raramente come le nubi madreperlacee, le nubi nottilucenti, nubi mammellari, l’Instabilità di Kelvin-Helmholtz, l’altocumulo lenticolare, nubi a tunnel ecc.

Qua sotto alcuni scatti delle nuvole più rare, divertitevi a collezionare le foto di ogni tipo di nuvola, probabilmente vi ci vorranno anni prima di riuscire a fotografare alcuni tipi di nuvole.

Nubi Madreperlacee



Nubi Mammellari



Nubi Nottilucenti


Instabilità di Kelvin-Helmholtz



Altocumulo lenticolare





Se vuoi imparare a fotografare dai un'occhiata ai Manuali di fotografia che consiglio.