Cosa vedere a Siena

Situata tra le pittoresche colline toscane a sud di Firenze, Siena raggiunse il suo massimo periodo di splendore nel 1200 e 1300, quando i suoi artisti rivaleggiavano con quelli di Firenze. La cattedrale e i palazzi di Siena sono eccezionali monumenti dell’architettura gotica e ogni angolo della città riserva bellissime sorprese, che sia una galleria d’arte o una piccola chiesa affrescata. È una città che da sempre attira i viaggiatori appassionati di arte e atmosfere medievali con le sue numerose attrazioni culturali: qui di seguito trovale le principali.

Duomo di Siena (Cattedrale di Santa Maria Assunta)

Inserito tra i migliori esempi di architettura gotica in Italia, il Duomo di Siena risale al 1245 e cattura immediatamente lo sguardo con la sua ricchezza di decori esterni, opera del genio di Giovanni Pisano che ne ha progettato la facciata e scolpito la maggior parte delle statue e dei rilievi che la adornano. Le strisce alternate di marmo scuro e chiaro che ricoprono la maggior parte della chiesa e il suo alto campanile contrastano con il mattone rosso predominante del resto degli edifici di Siena e questo rende la cattedrale un edificio assolutamente unico; entrate all’interno per ammirare la pavimentazione decorata e le opere d’arte di Nicola e Giovanni Pisano, Donatello, Bernini, Pinturicchio, e altri grandi artisti del passato. Una delle cose più insolite da fare nel Duomo è salire sulla cima al Facciatone, la facciata incompiuta nata come progetto di espansione della cattedrale ma che per via della Peste Nera non venne mai portata termine: oggi è uno dei punti panoramici più belli di Siena.

Biblioteca Piccolomini

Situata all’interno del Duomo di Siena, la Biblioteca Piccolomini attira tanti visitatori non tanto per i libri antichi che custodisce ma per i suoi magnifici interni. Questo edificio dei primi del XVI secolo venne realizzato per Francesco Todeschini Piccolomini, che in seguito divenne Papa Pio II. L’attrazione principale all’interno sono i meravigliosi affreschi dipinti dal Pinturicchio che colorano le pareti con una prospettiva unica, raffigurando scene della vita di Papa Pio II.

Piazza del Campo

Situata nel cuore del centro storico, Piazza del Campo è considerata una delle più belle piazze medievali d’Europa. Molti dei siti chiave della città si trovano proprio attorno alla piazza, come il Municipio, la Torre del Mangia e la Fonte Gaia. Quest’ultima è una fontana rettangolare riccamente decorata ad opera di Iacopo della Quercia. Creato nel 1419, il capolavoro della Quercia presenta numerosi rilievi e statue che però sono delle riproduzioni: gli originali sono in mostra nel Museo di Santa Maria della Scala.

Palazzo Pubblico e Museo Civico

Occupando quasi un intero lato di Piazza del Campo, il municipio fu costruito in stile gotico tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo. La facciata in mattoni è alleggerita da file di eleganti finestre e archi e sormontata da merli. Lo scudo bianco e nero di Siena si ripete negli archi sopra le finestre e al centro del primo piano si trova lo stemma dei Medici, che governarono Siena nel XVI secolo. L’interno di Palazzo Pubblico è ben conservato, con affreschi della scuola senese che forniscono uno spaccato della vita delle famiglie borghesi di Siena nel 1300 e 1400. I piani superiori ospitano il Museo Civico, dove potrete ammirare una collezione di disegni, dipinti e altri documenti sulla storia della città.

Pinacoteca Nazionale

La Pinacoteca Nazionale è ospitata in uno dei palazzi più raffinati di Siena, Palazzo Buonsignori, completato all’inizio del 1400 in stile gotico. La galleria offre un’eccellente panoramica della pittura senese dal XII al XVI secolo attraverso una collezione di opere dei maggiori artisti dell’epoca, come Guido da Siena, Duccio di Buoninsegna, Giovanni Battista e Pinturicchio.

Basilica di San Domenico

La Basilica di San Domenico, un austero edificio in mattoni in stile gotico, fu originariamente costruita nel 1226 ma venne poi modificata e ampliata, con l’aggiunta del campanile. Viene talvolta chiamata Chiesa di Santa Caterina in quanto la Santa visse la maggior parte della sua vita proprio tra queste mura e la chiesa custodisce alcune delle sue reliquie assieme ad un ritratto e ad alcuni affreschi contenuti in una cappella.

Chiesa di San Francesco

La Chiesa gotica di San Francesco fu iniziata dall’ordine francescano nel 1326 ma non fu completata fino al 1475. Come per la Basilica di San Domenico, il campanile fu aggiunto molto più tardi, nel 1765. L’interno presenta un soffitto in legno ed è dipinto a strisce alternate bianche e nere che rimandano al rivestimento in marmo del Duomo; noterete inoltre gli stendardi delle vecchie corporazioni artigianali. Da non perdere anche il magnifico affresco della Crocifissione, dipinto da Pietro Lorenzetti, e altre opere d’arte che decorano le pareti.

Complesso Museale Santa Maria della Scala

Situato in Piazza Duomo vicino alla Cattedrale, il complesso di Santa Maria della Scala appare come un edificio massiccio molto modesto, tuttavia è sufficiente accedere all’interno di questo ex ospedale per trovare ambienti decorati con grandi opere d’arte. Costruito nel XII secolo, Santa Maria della Scala fu uno dei primi ospedali in Europa. Oggi al suo interno ospita numerosi musei su temi come l’arte e l’archeologia.

Torre del Mangia

Accanto al Municipio si erge la sottile Torre del Mangia, una torre medievale alta poco più di 100 m che spicca sullo skyline del centro storico. La costruzione iniziò nel 1338; quando fu terminata 10 anni dopo, la torre era la seconda più alta in Italia. È possibile salire le diverse centinaia di gradini fino alla piattaforma in cima per ampie vedute della città e delle colline toscane.

Battistero San Giovanni

Uno dei luoghi più famosi di Siena è il Battistero di San Giovanni. L’interno di questa chiesa gotica dell’inizio del XIV secolo è a dir poco fantastico e qui il fiore all’occhiello è la fonte battesimale, un vero capolavoro dell’arte del primo Rinascimento. La fonte esagonale sfoggia pannelli in bronzo dorato che raccontano la vita di Giovanni Battista. Questi pannelli, così come le altre statue che arricchiscono la chiesa, furono realizzati dai più famosi artisti di Siena, tra cui Donatello, Lorenzo Ghiberti e Jacopo della Quercia.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).