Gion Matsuri

Il Festival di Gion Matsuri si svolge ogni anno a Kyoto, nel mese di luglio, ed è uno dei festival più importanti di tutto il Giappone. Nonostante “Gion” sia il nome di uno dei quartieri di Kyoto, gli eventi clou hanno in realtà luogo sul lato opposto del fiume Kamo.
Il festival è caratterizzato da molti eventi diversi, due dei quali sono particolarmente rinomati: lo Junko Yamaboko, una processione di carri allegorici che si svolge il 17 luglio, lo Yoiyama, ossia le tre serate di festa che precedono la processione e che trasformano alcune vie di Kyoto in una brulicante e vivace festa di musica e sapori.

Tra gli eventi minori che caratterizzano questo festival, va ricordata la cosiddetta ” processione di mikoshi“, che si svolge sempre il 17 luglio, a partire dalle 16: l’evento, che inizia a Yasaka e termina a Otabisho, consiste nel trasportare una sorta di santuario portatile chiamato appunto mikoshi, montato su travi in legno e portato in spalla da alcuni uomini.

Origini del festival

Il festival nacque come parte di un rituale di purificazione per placare gli dei ed evitare che questi potessero scatenare incendi, inondazioni e terremoti. Nel 869, a seguito di gravi pestilenze, l’Imperatore Seiwa ordinò che la gente pregasse il dio del Santuario Yasaka, Susanoo-no-Mikoto, al fine di esortarlo a porre fine alla tragica situazione. Questa pratica venne poi ripetuta ogni qual volta si verificasse un evento simile. Nel 970 iniziò a diventare una ricorrenza annuale, finché, in pieno periodo Edo, ossia tra il XVII e il XIX secolo, la potente classe mercantile rese la festa più elaborata, servendosi di una parata per sancire e ostentare la propria ricchezza.

In ricordo delle origini, ancora oggi il festival continua l’usanza di selezione di un ragazzo del posto affinché rappresenti un messaggero divino: costui non può mettere piede a terra dal giorno 13 e fino al 17, dopo che i carri hanno terminato la parata per le vie della città.

La parata del 17 luglio e le tre notti che la precedono

Fulcro del festival è la parata del 17 luglio, o Junko Yamaboko, preceduta da tre notti in cui il centro di Kyoto viene chiuso al traffico delle automobili: queste notti sono conosciute con i nomi di yoiyama (16 luglio), yoiyoiyama (15 luglio) e yoiyoiyoiyama (14 luglio). Le strade si riempiono di bancarelle che vendono spiedini di pollo alla griglia, dolci tradizionali giapponesi e molte altre delizie . Le ragazze sono solite indossare il kimono e passeggiano per le strade con borse tradizionali e ventagli di carta.
Durante le serate che precedono la sfilata, alcune case aprono le porte al pubblico (Matsuri Byobu), esponendo preziosi cimeli di famiglia e collezioni private di valore, dando così a tutti la possibilità di visitare e osservare alcune residenze tradizionali giapponesi di Kyoto: è buona norma ricordarsi di osservare un comportamento adeguato al luogo, dal momento che non si tratta di museo pubblico, ma pur sempre di un’abitazione privata.

I carri

Yamaboko è una parola che si riferisce ai due tipi di carri utilizzati nel corteo: i carri Yama e i carri Hoko, che possono arrivare a raggiungere i 25 metri di altezza e a pesare fino a 12 tonnellate.
La processione dei carri si svolge solitamente la mattina del 17 luglio, tra le 9:00 e le 13:00 e segue un percorso di 3 km lungo le strade Shijo, Kawaramachi e Oike. Alcuni posti a sedere sono a pagamento e richiedono la prenotazione, ma vista la lunghezza del percorso è comunque possibile trovare ottimi punti per godersi la sfilata.
Ogni carro è sormontato da una lunga asta a forma di lancia ed è ornato con accessori e tessuti del migliore artigianato locale, tanto che a volte vengono addirittura descritti come ‘musei d’arte mobili.’
I carri ospitano inoltre alcuni musicisti che suonano il flauto, i tamburi e le campane. Nei giorni del festival è usanza che la gente vada a visitare i carri, fin dai giorni del loro allestimento (dal 10 al 14 luglio), dove possono acquistare alcuni portafortuna chiamati omamori, che si dice tengano lontani gli spiriti maligni.

Foto



















Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!