Visitare Pisa

Con il suo fascino dato da una lunga storia e un’atmosfera giovane e dinamica dovuta alla presenza di tanti universitari, Pisa offre tanti spunti per ogni genere di vacanza. Che desideriate trascorrere un giorno, un weekend o  un soggiorno più lungo, la città offre musei, attrazioni culturali, shopping e attività per ogni turista. 24 ore sono generalmente un tempo sufficiente a cogliere la bellezza della città e visitare le maggiori attrazioni, in quanto il centro storico ha dimensioni piuttosto raccolte e in questa breve guida alla città vi propongo un itinerario di un giorno a piedi partendo dalla stazione dei treni. Potete poi personalizzare ed ampliare l’itinerario a seconda dei vostri gusti e della durata del soggiorno. In più troverete tanti consigli utili su dove mangiare, sullo shopping e su come arrivare in città.

Arrivare e Parcheggiare

Il modo più veloce per raggiungere Pisa è in aereo, atterrando all’aeroporto Galileo Galilei che sorge a pochi minuti dal centro storico. È servito principalmente da compagnie low cost e collegato al centro da treni e bus navetta.

Il treno è un’altra opzione comoda in quanto Pisa è ben collegata a varie città italiane; vanta inoltre due stazioni: Pisa Rossore, accanto a Piazza dei Miracoli, e Pisa Centrale a ridosso del centro storico. Da entrambe le stazioni potete poi comodamente spostarvi a piedi. Se arrivate in pullman da altre città, il terminal si trova a pochi metri dalla stazione di Pisa Centrale.

Chi invece preferisce l’auto ha due alternative: se arrivate da nord o da sud percorrerete la A12 Genova – Livorno per poi uscire a Pisa Nord o Pisa Centro, altrimenti da Firenze imboccate la A11 Firenze – Mare uscendo a Pisa Nord.

Considerando che il centro storico è in gran parte pedonale, mettete in conto di dover lasciare l’auto un po’ distante. Tra i parcheggi che vi consiglio c’è quello gratuito di Via Pietrasantina, accanto allo stadio, e con un servizio di navetta che porta vicino alla Torre; se invece volete parcheggiare proprio vicini al centro ci sono i parcheggi a pagamento di Via Cammeo o di Piazza Vittorio Emanuele II.

Al mattino: cosa vedere

Piazza Vittorio Emanuele e Corso Italia

Una volta usciti dalla stazione dirigetevi verso la vicina Piazza Vittorio Emanuele, sin dalle origini cuore amministrativo della città. È incorniciata da bellissimi palazzi storici e la Chiesa di Sant’Antonio abate, caffetterie e negozi. Al centro la statua che raffigura Vittorio Emanuele II.  Da qui incamminatevi lungo Corso Italia, la via dello shopping più rinomata della città, dove potrete godervi una passeggiata tra negozi di vario genere.

Se dovete fare colazione nei pressi della Piazza Vittorio Emanuele c’è il Keith Art Shop Cafè, che propone un ottimo caffè da sorseggiare mentre si ammira il murales di Keith Harig, o in alternativa la Pasticceria Principe Pisa nelle vicinanze offre una vasta gamma di delizie.

Chiesa di Santa Maria del Carmine

Lungo Corso Italia ci si imbatte in questa splendida chiesa trecentesca, che pur mantenendo il profilo originario, è stata arricchita nel tempo con nuovi affreschi e opere d’arte, cappelle private e altari barocchi. All’esterno della chiesa potete ammirare anche la statua dello scultore Nicola Pisano.

Lungarno Galilei e Logge dei Banchi

Dopo aver percorso tutto Corso Italia si arriva al Lungarno Galilei nei pressi del famoso Ponte di Mezzo. Nell’area del lungarno si trovano le celebri Logge dei Banchi, costruite per ospitare il mercato della lana e della seta. Godetevi per qualche istante gli scorci romantici del lungarno, cinto da palazzi, pub e ristorantini dove ci si ritrova al tramonto per un aperitivo o una passeggiata all’ombra di palazzi storici. In particolare sul lungarno Galilei si trovano Palazzo Lanfranchi e la Chiesa di San Sepolcro, dalla singolare pianta ottangolare.

Ponte di Mezzo e Lungarno Mediceo

Attraversate Ponte di Mezzo, una ricostruzione di un antico ponte distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, e giungete sul Lungarno Mediceo. Tra gli edifici che spiccano da questo lato del fiume ci sono Palazzo Medici e la vicina chiesa di San Matteo con l’adiacente Museo Nazionale San Matteo, dove sono esposti i capolavori di tanti artisti italiani.

Borgo Stretto e Piazza dei Cavalieri

Dirigetevi verso Piazza dei Cavalieri passando attraverso la caratteristica stradina conosciuta come   Borgo Stretto, un piccolo e affascinante vicolo di origine medievale affiancato da palazzi antichi e portici che ospitano negozi e botteghe.

Giungete infine sull’enorme Piazza dei Cavalieri, incorniciata da vari edifici storici come la prestigiosa università Scuola Normale di Pisa e il Palazzo dell’Orologio, sede della Biblioteca Universitaria, reso famoso da Dante nella Divina Commedia.

Pranzo

Tra una visita e l’altra, cosa mangiare di tipico a Pisa? Alcuni piatti sono dei classici della cucina toscana, come la famosa pappa al pomodoro, le zuppe con i legumi e la carne alla griglia, ma ci sono anche tante ricette locali da assaggiare: tra le più note ci sono minestre come la zuppa alla pisana e il bordatino alla pisana, primi piatti come le trenette alla renaiola con aringhe e cime di rapa, mentre tra i secondi spuntano piatti a base di pesce tra cui il baccalà con i porri e lo stoccafisso con le patate.

Potete assaggiare queste specialità nelle varie osterie e ristoranti tradizionali in giro per la città, mentre per chi preferisce un pasto veloce ci sono numerose botteghe ed enoteche che propongono salumi e formaggi locali accompagnati a del buon vino toscano.

Nei dintorni di Piazza Cavalieri, vi consiglio i seguenti ristoranti:

  • Osteria dei Cavalieri. Ospitato in un’antica casa-torre del 1200, è uno dei locali più famosi della città dove assaggiare le specialità locali, tra cui lo stoccafisso alla pisana, primi come le pappardelle al sugo di lepre e deliziosi piatti di carne.
  • L’Osteria La Mescita. In una stradina tranquilla, un locale dove tuffarsi nei sapori della cucina tipica toscana: tra i piatti da provare la pappa al pomodoro e il baccalà.
  • I Porci Comodi. Una minuscola bottega-enoteca dove fare un pranzo veloce a base di panini, taglieri di affetti e naturalmente dell’ottimo vino toscano.
  • Pizzeria Il Montino. Una pizzeria semplice e piccola, famosa per la cecina, la torta di ceci, che si dice sia la migliore della città. Ma propone anche dell’ottima pizza a taglio e primi piatti.

Nel pomeriggio: cosa vedere

Piazza dei Miracoli

Da Piazza dei Cavalieri prendete Via dei Mille e poi Via Santa Maria per raggiungere Piazza dei Miracoli, chiamata anche Piazza del Duomo, dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Qui si concentrano le maggiori attrazioni della città: la famosa Torre pendente,  il Battistero, il Duomo ed il Camposanto Monumentale. È possibile per chi lo desidera salire fino in cima alla Torre per visitarla e ammirare Pisa dall’alto, ma tenete presente che il numero di ingressi è limitato, quindi vi consiglio di prenotare i biglietti in anticipo.

Nella piazza e nei dintorni si trovano anche alcuni musei interessanti, tra cui il Museo delle Sinopie dove sono conservate le bozze e i progetti degli artisti che lavorarono al Camposanto.

L’Orto Botanico

Se avete ancora un po’ di tempo, a pochi minuti da Piazza dei Miracoli troverete l’Orto Botanico, una tappa che vi permetterà di rilassarvi al termine della giornata lasciandovi alle spalle le folle dei turisti della Torre di Pisa e immergendovi nella natura.

Per tornare al punto di partenza, invece di ripercorrere il tragitto a piedi, potete dirigervi verso la stazione di Pisa San Rossore, più vicina, da cui transitano treni per Pisa Centrale.

Cena/Aperitivo

Se avete tempo per una cena o un aperitivo prima di ripartire, eccovi qualche altro consiglio:

  • L’Ostellino. Nei pressi dell’Orto Botanico, un locale piccolo ma accogliente, con simpatici detti toscani alle pareti e deliziosi panini da farcire con affettati toscani o in alternativa taglieri di diversi tipi.
  • Cecco Rivolta. Tra i migliori locali per un aperitivo in centro a Pisa a base di buon vino, taglieri di salumi e formaggi o altri stuzzichini.
  • La Pergoletta. Nel cuore di Pisa, a pochi passi dall’Arno, un locale raffinato perfetto per una cena speciale a base di piatti tipici pisani.
  • Ir Tegame. Un locale lungo l’Arno il cui piatto forte sono i primi piatti al tegame. Da provare la formula del “giropasta” che consente di assaggiare più piatti a un ottimo prezzo.

Cosa comprare a Pisa

Una gita a Pisa è un’ottima occasione per acquistare qualche regalino e ricordo della giornata in città. Nei negozietti e alle bancarelle troverete tantissimi gadget in particolare dedicati alla Torre pendente di Pisa, ma tra gli acquisti più gettonati ci sono spesso i prodotti alimentari tipici toscani. Tra questi ad esempio ci sono ottimi formaggi come il Pecorino Pisano e insaccati quali il Mallegato Pisano. Per i più golosi non mancano dolci tradizionali come la Torta co’ bischeri, una sorta di crostata ripiena di cioccolato e i tipici biscotti Cantucci.

Per gli amanti dei buoni vini toscani, non mancano prodotti dei vigneti locali, tra cui i più noti sono il Chianti delle Colline Pisane, il Bianco Pisano di San Torpè e il Montescudaio DOC.

Pisa è anche rinomata per il suo artigianato, in particolare riguardante la produzione di calzature: sopravvivono ancora botteghe che realizzano e riparano calzature di cuoio e pelli di alta qualità e secondo metodi tradizionali.

Negozi a Pisa

In tutto il centro storico troverete tante alternative per fare acquisti: tra le bancarelle di Piazza dei Miracoli potrete comprare i classici souvenir, come cappellini e t-shirt dedicati alla città, gadget e statue raffiguranti la Torre e il Duomo di Pisa e tanti altri articoli.

Se amate invece la moda di classe, i viali di Corso Italia e del Borgo Stretto ospitano gran parte delle boutique delle grandi firme. Piazza delle Vettovaglie, in pieno centro storico, prende il nome dall’antico mercato alimentare che si svolgeva qui: oggi è il luogo perfetto per acquistare i prodotti gastronomici tipici nelle botteghe che circondano la piazza.

Tra i negozi storici o particolari che potete visitare durante una giornata a Pisa ci sono:

  • L’Orsa Minore, Libri & Mappe. Una libreria dalle atmosfere retrò dove il tema centrale sono i viaggi: qui infatti troverete guide, mappe e libri di narrativa tutti dedicati ai viaggi.
  • Gioielleria Bardelli. Una gioielleria storica, nata nel 1871 che ancora oggi resta un punto di riferimento per i pisani.
  • Valenti. Nato negli anni ’70 come un negozio di accessori, propone oggi vaste collezioni di moda uomo e donna con griffe rinomate come Dior, Dolce&Gabbana, Gucci, ecc.
  • Calzature Sodini e Calzature Rossi. Due storici negozi di scarpe dove trovare modelli di qualità.

Card, sconti e info utili

Presso l’ufficio IAT di Piazza dei Miracoli è possibile acquistare un pacchetto a prezzo scontato per visitare le attrazioni della Piazza con inclusa la videoguida: potete scegliere tra 1, 2 o 3 monumenti (Battistero, Camposanto e Museo delle Sinopie) a partire da 9 euro e il Duomo è sempre compreso nel prezzo. La Torre ha invece un biglietto a parte.

Se visitate Pisa la prima domenica del mese i musei che aderiscono all’iniziativa nazionale “Domenica al Museo”, e offrono quindi l’ingresso gratuito, sono 3: la Certosa di Calci, il Museo nazionale di San Matteo e l’Orto Botanico dell’Università di Pisa.

Un modo veloce e comodo per girare la città in un giorno è anche l’autobus turistico City Sightseeing, presente con due linee che permettono di scoprire non solo le attrazioni principali, ma anche la Cittadella Vecchia e altri luoghi più periferici, consentendo ai passeggeri di scendere e salire a proprio piacimento. Il pass per 24 ore costa 15 euro per gli adulti.

Dove dormire a Pisa

Se avete due o più giorni da trascorrere a Pisa è fondamentale scegliere un hotel in una zona strategica della città per sfruttare al meglio il soggiorno e risparmiare tempo negli spostamenti.  Se cercate un po’ di relax, potreste valutare un agriturismo nelle campagne toscane che circondano la città. Se volete maggiori consigli su dove alloggiare, leggete l’articolo “dove dormire a Pisa”.