Passaporto per minorenni

Dal 26 giugno 2012 tutti i bambini e i minorenni che attraversano le frontiere italiane per motivi di viaggio, studio, sport, ecc. devono obbligatoriamente essere muniti di un passaporto individuale (è sufficiente la carta d’identità nel caso di paesi UE). Non è più valida quindi l’iscrizione dei minori nel passaporto dei genitori. Questa novità nasce per garantire una maggiore sicurezza ai minori e nel tentativo di contrastare alcuni fenomeni criminali e altre situazioni drammatiche come la sottrazione di bambini ai genitori affidatari.

All’interno del passaporto dei minori sono presenti i dati anagrafici dei genitori (tranne il caso in cui i genitori facciano esplicita richiesta di non comparire sul passaporto), mentre se il minore si reca in viaggio con altri accompagnatori questi non devono essere iscritti nel libretto, ma basta soltanto una dichiarazione di accompagno.

Chi lo rilascia e documenti necessari

La domanda per il rilascio del passaporto può essere presentata a:

  • Questura
  • Stazione dei Carabinieri
  • Commissariato di Pubblica sicurezza

Per i minori di età inferiore ai 12 anni non è prevista l’acquisizione delle impronte digitali, obbligatoria invece dai 12 anni in su, perciò è possibile recarsi anche in altri uffici come il comune di residenza o le poste.

Per richiedere il passaporto è necessario l’assenso dei genitori che devono firmare l’apposito modulo di assenso di fronte al Pubblico Ufficiale. In mancanza dell’assenso di uno dei genitori si deve essere in possesso del nulla osta del giudice tutelare, mentre nel caso in cui uno dei due genitori non potesse essere presente, l’altro deve portare con sé una dichiarazione di assenso scritta e una fotocopia del documento del coniuge firmato in originale. Se uno dei due genitori è extracomunitario e si trova all’estero, può recarsi a firmare l’assenso presso l’Ambasciata Italiana del paese in cui si trova; questo documento viene poi spedito direttamente dall’ambasciata. Ovviamente al momento della richiesta deve essere presente anche il minore, poiché il Pubblico Ufficiale deve verificare la corrispondenza tra la foto del passaporto e il richiedente; per poter richiedere il passaporto il minore deve essere un cittadino italiano. Oltre alla firma dell’assenso, quando ci si reca a richiedere il passaporto occorre fornire la seguente documentazione:

  • Documento di riconoscimento del minore con una fotocopia;
  • Marca da bollo di € 73,50
  • Ricevuta di versamento sul CC postale n. 67422808, di 42,50 euro, intestato al Ministero dell’Economia e Finanza – Dipartimento del Tesoro – Roma, con causale “importo per il rilascio del passaporto elettronico” fatto a nome del minore;
  • 2 foto formato tessera recenti del minore;
  • il modello di domanda di rilascio passaporto per minori debitamente compilato da entrambi i genitori. Questo modello può essere scaricato dal sito della Polizia di Stato.

Con i nuovi servizi telematici del sito della Polizia di Stato potete prendere appuntamento fissando la data e il luogo in cui presenterete la domanda evitando così le lunghe attese in questura.

La consegna del passaporto viene fatta sempre presso l’ufficio in cui si è presentata la richiesta oppure è possibile anche chiedere la consegna a domicilio grazie ad una convenzione con le poste italiane (optando per questa modalità al cittadino verrà richiesto in questura o in qualunque altro ufficio di compilare un modulo indicando il proprio indirizzo).

Rinnovo del passaporto

Alla scadenza del passaporto, è necessario rinnovarlo seguendo le stesse modalità previste per il rilascio poiché in sostanza il passaporto scaduto viene riconsegnato e ne viene emesso uno nuovo. In questo caso è necessario scaricare dal sito della Polizia di Stato il modulo di domanda rinnovo passaporto scaduto e a questo allegare le 2 foto tessera, i versamenti e le marche da bollo come quelle previste per la richiesta del passaporto, un documento di riconoscimento e il passaporto scaduto.

È stata invece abolita la marca da bollo del passaporto annuale di € 40,29.

Tempo di rilascio e validità

Generalmente il passaporto viene rilasciato entro 3 settimane/un mese, ma nelle questure spesso i tempi sono più rapidi. In caso di urgenze è possibile a volte anche ricevere il passaporto in giornata, ma è necessario dimostrare il motivo dell’urgenza (con un biglietto aereo ad esempio).

Una volta rilasciato il passaporto, ci sono due diverse validità a seconda dell’età del bambino, per garantire l’aggiornamento della fotografia e facilitare l’identificazione del minore alla frontiera:

  • Bimbi 0-3 anni: validità triennale;
  • Minore dai 3 ai 18 anni: validità quinquennale.

Se i minori viaggiano da soli

Fino al compimento dei 14 anni i minori italiani non possono viaggiare all’estero se non accompagnati:

  • da almeno un genitore o chi ne fa le veci. In questo caso il nome del genitore deve essere presente sul passaporto del minore o deve dimostrare il rapporto di parentela:
  • da un accompagnatore munito di dichiarazione di accompagnamento (l’accompagnatore può essere anche la compagnia aerea).

In quest’ultimo caso, qualora i genitori volessero affidare il minore ad un’altra persona fisica o a una società di trasporto devono sottoscrivere la dichiarazione di accompagnamento, che può essere cartacea (quindi va presentata alla frontiera insieme al passaporto) o stampata nel passaporto. Questa dichiarazione viene rilasciata e registrata dalla questura. Nel caso in cui l’accompagnatore sia una persona fisica, è necessario portare in questura, insieme alla dichiarazione di accompagnamento, le fotocopie del documento di riconoscimento dell’accompagnatore firmato in originale, oltre a quelle dei documenti di genitori e del minore. Se invece il minore è affidato a una compagnia di trasporto è necessario verificare che la stessa accetti i minori di 14 anni prima di acquistare il biglietto; alcune compagnie in base alle loro politiche interne, possono richiedere il documento di accompagnamento anche superati i 14 anni, perciò è consigliabile informarsi in anticipo.

La validità della dichiarazione di accompagnamento è limitata alla durata del viaggio e in ogni caso non può superare i 6 mesi (salvo i casi in cui ci siano accordi diversi), non può superare la validità del passaporto del minore e nel caso di viaggi che prevedano l’ingresso in più paesi spetta ai genitori la scelta di indicare tutti gli stati o solo la destinazione finale.