Cosa vedere a Trapani

Splendidamente adagiata ai piedi del Monte Erice, nella Sicilia nord-occidentale, Trapani è una città portuale vivace e ricca di storia. Governata e trasformata da cartaginesi, romani, saraceni e normanni, la città ha ereditato un mix di influenze culturali e architettoniche che la rendono una delle più suggestive destinazioni turistiche in Sicilia. Trapani è composta da due grandi aree molto diverse tra loro, il centro storico con le sue strade strette e la parte più moderna a est.
e
Scoprite le migliori cose da fare in questa vibrante città siciliana con la mia selezione delle principali attrazioni di Trapani.

Saline di Trapani

Di fronte alle porte della città di Trapani si trova la riserva naturale delle Saline di Trapani, con i caratteristici mulini a vento che sono divenuti un’icona di questa parte della costa siciliana. La produzione del sale iniziò nel XV secolo sotto gli Aragonesi che realizzarono queste saline: per diversi secoli la produzione di sale fu la principale industria di Trapani.

La produzione di sale oggi è su scala molto più piccola di quanto non fosse al suo apice tra il XVI e l’inizio del XX secolo, ma i campi e i mulini a vento sono un paradiso per i fotografi, specialmente nelle ore del tramonto quando i colori caldi del tramonto fanno da sfondo al bianco candido delle saline. Un museo racconta lo storia e il funzionamento delle saline attraverso un’esposizione di vecchi strumenti.

Città Vecchia e Corso Vittorio Emanuele

Il centro storico di Trapani si trova ad ovest di Piazza Umberto e della stazione ferroviaria, e potete arrivarci camminando lungo Via XXX Gennaio. Corso Vittorio Emanuele è la principale arteria della città storica ed è un elegante viale affiancato da palazzi settecenteschi, negozi, bar e ristoranti dove fare una sosta. Nel IX secolo, sotto il dominio saraceno, la parte più ampia della penisola compresa tra Via XXX Gennaio e Via Torre Arsa era il Quartiere Arabo, dove vivevano sia arabi che ebrei e ancora oggi si nota la differenza architettonica con le altre zone della città. È splendido passeggiare nei vicoli vivaci e suggestivi del centro storico, dove si trova la cattedrale di Trapani e altre attrazioni, insieme a molti piccoli negozi e posti dove mangiare.

Cattedrale di San Lorenzo

Consacrata cattedrale nel 1844, la Chiesa di San Lorenzo fu costruita nel 1421, ma poi venne ristrutturata e ampliata nel corso dei secoli.

È una meravigliosa basilica in stile neoclassico con un portico e una grande cupola, fiancheggiata da quattro torri. Entrate all’interno per ammirare i vari dettagli, le cappelle laterali e il coro, gli affreschi brillanti, sculture e dipinti, tra cui il più popolare è l’opera “Crocifissione” attribuito al pittore fiammingo Van Dyke.

Porto e Isola La Colombaia

Trapani si estende su una stretta penisola e per questo passeggiando per il centro storico potrete intravedere qualche scorcio sul mare di tanto in tanto. A sud del centro si trovano il porto e Piazza Garibaldi, con i suoi uffici marittimi e le banchine da cui partono traghetti diretti alle Isole Egadi.

All’estremità orientale si trova l’isola La Colombaia, dove sorge uno dei simboli di Trapani, la Torre Colombaia, nota anche come Castello di Mare, usata in passato come fortezza e prigione.

Torre Ligny

All’estremità occidentale della penisola, non lontano dal porto di Trapani, si trova Torre di Ligny, una struttura non molto alta e dalla pianta quadrata. Questa torre difensiva risale al XIV secolo e al suo interno è ospitato un piccolo museo storico con reperti relativi alla storia marittima della città. Molti turisti visitano la torre per i panorami spettacolari che si hanno sia durante la passeggiata che conduce alla struttura sia dalla terrazza della torre: da qui la vista spazia fino a Capo San Vito e alle isole Egadi.

Palazzo Senatorio o Cavarretta

Don Giacomo Cavarretta commissionò la costruzione del suo palazzo all’architetto Andrea Palma nel 1672. Dalla allora l’edificio è stato modificato più volte, ma ha mantenuto la sua splendida facciata, che domina una delle estremità di Corso Vittorio Emanuele. Nella parte superiore ci sono un orologio e un datario, mentre poco più in basso, in tre nicchie, sono collocate le statue della Madonna di Trapani, San Giovanni Battista e Sant’Alberto. Dopo essere stato a lungo sede del Senato cittadino, oggi ospita gli uffici comunali.

Mercato del Pesce

In passato il marcato del pesce di Trapani si trovava nella Piazza Mercato del Pesce, ma è stato poi spostato e allestito in una tendostruttura. Ciò che non è cambiato però è l’atmosfera vivace e autentica, con infinite bancarelle di pesce freschissimo, ottimo da acquistare e cucinare se si alloggia in un appartamento.

MOOI – Museo delle Illusioni Ottiche di Trapani

Il MOOI è il primo e unico museo in Italia interamente dedicato alle illusioni ottiche. Ottimo per trascorrere un po’ di tempo divertendosi con tutta la famiglia e scattare foto spettacolari.

Il percorso attraversa diverse sale in cui si sperimentano le illusioni più celebri: c’è la stanza delle anomalie di gravità e tante altre illusioni geometriche, prospettiche, di movimento ed illusioni di colore.

Spiaggia di San Vito Lo Capo

A circa 40 minuti dalla città di Trapani si trova la località balneare di San Vito Lo Capo, ideale per una giornata in spiaggia. San Vito Lo Capo è popolare per la sua spettacolare e ampia spiaggia di sabbia bianca, con acque calme e limpide.

Isole Egadi

Se volete fare una gita da Trapani, tra le mete più gettonate ci sono assolutamente le Isole Egadi. Il piccolo arcipelago si compone di tre isole, Marettimo, Favignana e Levanzo che vantano alcune delle spiagge più belle in tutta la Sicilia. Favignana è l’isola più grande e sviluppata: potete noleggiare una bici o uno scooter ed esplorare l’isola. Levanzo è molto più piccola e anche molto meno turistica, mentre Marettimo è molto più distante rispetto alle altre due isole ed è una delle mete preferite dagli amanti della natura in quanto ha bellissimi percorsi di trekking.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).