Cosa vedere a Tel Aviv

Con le sue spiagge dorate e una vivace atmosfera cosmopolita, Tel Aviv è la metropoli più moderna di Israele. La maggior parte dei turisti arriva qui per prendere il sole, fare shopping nelle graziose boutique e visitare i siti storici e i musei della città. Soprannominata “la città bianca“, la città è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2003 per i suoi splendidi esempi di architettura Bauhaus (uno stile di inizio ‘900). Tel Aviv è piena di cose da fare, a partire dalle attrattive storiche fino allo shopping nei quartieri moderni: qualunque siano i vostri interessi, date un’occhiata a questa selezione delle cose migliori da vedere a Tel Aviv. 

Jaffa Old City

Una breve passeggiata a sud lungo la costa dal centro di Tel Aviv conduce alla storica città portuale di Jaffa (foto in alto), che conquista i turisti con i resti ben conservati dell’antica acropoli e gli edifici in pietra restaurati. Gran parte dell’area che un tempo ospitava il bazar cittadino è ora sede di ristoranti e boutique artigianali, ma resta ancora un popolare mercatino delle pulci dove immergersi nei tipici colori e profumi di un autentico suk. È particolarmente vivace la sera, quando si affolla di gente del posto e turisti che vengono qui per cenare.

Carmel Market (Shuk Ha’Carmel)

Situato in uno dei quartieri più suggestivi di Tel Aviv, il quartiere yemenita (Yemenite Quarter), il Carmel Market è il più grande mercato all’aperto della città. Affollato, colorato e pieno di prodotti freschi è il posto perfetto per fare incetta di prodotti locali, acquistare un souvenir e mangiare qualcosa di economico. Le bancarelle vendono di tutto, dalle spezie colorate agli occhiali da sole stravaganti.

Dizengoff Street

Il fulcro di Tel Aviv è la piazza centrale conosciuta come Dizengoff Square, composta da due livelli con un’area rialzata per i pedoni sopra la carreggiata, dominata da una particolare fontana moderna. Dalla piazza parte la strada Dizengoff Street, che si snoda a sud-est fino a Piazza Habima, il centro culturale di Tel Aviv e sede del Teatro Habima. Sia la piazza che la strada prendono il nome dall’ex sindaco di Tel Aviv, Meir Dizengoff. Dizengoff Street è descritta come gli “Champs-Élysées di Tel Aviv” ed è fiancheggiata da caffè e ristoranti, boutique di abbigliamento e numerosi negozi di design.

Museo dell’arte di Tel Aviv

Uno dei principali luoghi di arte contemporanea israeliana, il Museo d’arte di Tel Aviv contiene opere di Degas, Monet, Van Gogh, Henry Moore, Picasso, Jackson Pollock accanto alla più grande collezione al mondo di opere di artisti israeliani. Tra le sezioni più apprezzate c’è la collezione di stampe di Alois Breyer di inizio ‘900. L’edificio riflette le opere ospitate con linee moderne e semplici. Oltre alla collezione permanente, il museo ospita regolarmente mostre temporanee e altri eventi.

Quartiere Neve Tzedek

Il Neve Tzedek Quarter è il quartiere più antico della città: i primi coloni ebrei europei costruirono qui le prime case nell’Ottocento. Questi edifici antichi sono stati ben conservati e molti ora ospitano boutique d’arte, caffè e alcuni dei ristoranti più alla moda della città. Su Rochkach Street troverete due dei principali punti di interesse del quartiere: la Rockach House, sede di una piccola galleria di sculture, e il Nachum Gutman Art Museum, che espone le opere d’arte di questo pittore israeliano. Nell’angolo sud-ovest del distretto si trova anche la vecchia stazione ferroviaria ottomana che è stata restaurata e trasformata in un complesso piuttosto elegante di caffè, ristoranti e boutique di design.

Old Tel Aviv Port Area

Dagli anni ’30 agli anni ’60, il vecchio porto di Tel Aviv era la principale porta di accesso al mare di Israele. La zona del vecchio porto, conosciuta come Namal, è stata poi rinnovata e trasformata in un luogo di ritrovo alla moda con un lungomare pieno di negozi e deliziosi ristoranti e bar sul mare. La passeggiata accanto all’acqua è sempre affollata nei fine settimana e nell’area ci sono piccole gallerie d’arte private, intrattenimenti per famiglie e un ottimo mercato coperto.

Tayelet

La Tayelet di Tel Aviv è una strada pedonale e ciclabile che corre lungo il Mediterraneo dal vecchio porto di Tel Aviv a Jaffa, offrendo viste spettacolari sul mare. È un ottimo modo per farsi una passeggiata, a piedi o in bicicletta, ed esplorare alcune delle zone più belle della città. Se da un lato c’è il mare e bellissime spiagge come Gordon Beach, nella parte interna si susseguono le principali aree alberghiere di Tel Aviv, con numerosi ristoranti, caffetterie e locali notturni.

Museo Palmach

Se siete interessati a conoscere la storia militare di Israele, non perdetevi il Museo Palmach. Le mostre ripercorrono la storia dell’unità militare Palmach sin dalle origini. Fondata nel 1941 per proteggere la regione dall’invasione nazista, nel dopoguerra il corpo militare del Palmach aiutò a portare nel paese migliaia di rifugiati e sopravvissuti all’Olocausto e contribuì in maniera rilevante alla guerra arabo-israeliana del 1948. Il museo si visita con un tour guidato di circa 90 minuti.

Nachlat Binyamin Pedestrian Mall

Ogni martedì e venerdì, il Nachlat Binyamin Pedestrian Mall nel centro di Tel Aviv si trasforma in un gigantesco mercato all’aperto. La zona viene occupata da più di 200 bancarelle che espongono di tutto, dalla bigiotteria all’artigianato locale. Si tratta del più grande mercato di artigianato e arte del paese ed è il luogo perfetto per acquistare un souvenir o semplicemente curiosare tra le bancarelle. Tutt’intorno ci sono gelaterie, ristoranti e caffè dove fermarsi a mangiare qualcosa.

Museo dell’Independence Hall

La struttura che ospita il museo Independence Hall era originariamente la residenza di Meir Dizengoff, uno dei padri fondatori della città e il suo primo sindaco. È stato proprio qui che, il 14 maggio del 1948, il capo del Consiglio David Ben-Gurion dichiarò l’istituzione dello Stato di Israele. L’ingresso include un breve filmato introduttivo e un tour della stanza in cui è stata firmata la Dichiarazione di indipendenza di Israele. 

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).