Cosa vedere a Pescara

La più grande città d’Abruzzo è una località balneare con ottime infrastrutture e uno dei più grandi porti turistici dell’Adriatico. È una città vivace e una meta estiva popolare, quindi aspettatevi molti turisti nella bella stagione. Del resto l’attrattiva principale di Pescara sono proprio i suoi 16 km di spiagge e un bellissimo lungomare in cui passeggiare, ma la città ha anche un paio di musei interessanti che la rendono una buona meta per un weekend anche fuori stagione. Eccovi una panoramica delle migliori cose da vedere e da fare a Pescara.

Ponte del Mare

Sicuramente uno dei ponti moderni più suggestivi d’Italia, questa struttura ampia e sinuosa è stata costruita nel 2009 come ponte pedonale e ciclabile per facilitare il passaggio di pedoni e ciclisti attraverso il fiume Pescara. Lungo 466 metri, la sua forma si ispira ad una barca a vela con un unico “albero” al centro da cui partono i cavi di acciaio. Senza dubbio, è il miglior belvedere della città e regala bei panorami sul lungomare e su tutta la città che si estende all’orizzonte con le montagne abruzzesi sullo sfondo. Al tramonto il paesaggio è ancora più emozionante.

Lungomare

Il lungomare di Pescara è una delle grandi attrattive di Pescara. È un’ampia passeggiata composta da quattro grandi strade che costeggiano il mare Adriatico, per tutta la lunghezza della città. Di giorno da questa passeggiata alberata e ornata di aiuole potrete ammirare il via vai e la folla in spiaggia, mentre alla sera locali e ristoranti attirano folle di turisti.

Porto

Il Porto Turistico, situato al centro della città di Pescara, conta oltre 800 posti per imbarcazioni ed è un’area dove c’è sempre un’atmosfera vivace, in particolare nella bella stagione. È un ottimo posto per una passeggiata lungo i moli da cui potete ammirare le barche e respirare il profumo del mare. Gelaterie, ristoranti e negozi compongono l’area commerciale del porto offrendo uno spunto per fermarsi un po’ in questa zona.

Pescara Vecchia

La zona di Pescara Vecchia, situata nel quartiere Portanuova, è la parte più antica della città di Pescara, le cui origini risalgono all’epoca romana. Passeggiando tra le stradine si percepisce il lungo passato di questo luogo dove sorgono ancora tanti edifici antichi, tra cui anche la Casa di Gabriele d’Annunzio. Ci sono tanti negozi, locali e ristoranti che offrono un buon rapporto qualità-prezzo e sono aperti fino a sera tardi rendendo sempre animata la zona.

Museo Casa Natale di Gabriele d’Annunzio

L’istituzione culturale più interessante di Pescara è il Museo Casa Natale di Gabriele d’Annunzio, collocato nella dimora di proprietà della famiglia d’Annunzio dall’800. L’edificio venne pesantemente danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale come buona parte della città e ristrutturato poi dalla “Fondazione d’Annunzio”. Tuttavia l’atmosfera di fine del XIX-XX secolo è accuratamente ricreata attraverso arredi e mobili d’epoca che decorano le stanze della casa. Le mostre del museo includono molti effetti personali del poeta e della sua famiglia, con bozze, lettere, raccolte di fotografie e documenti e molto altro.

Corso Umberto I

La principale via turistica della città è Corso Umberto I, una via pedonale fiancheggiata da numerosi edifici storici e palazzi che risalgono perlopiù al periodo tra il 1700 e il 1900. Essendo una strada centrale, che collega la stazione al lungomare, è sempre molto affollata. Molti degli edifici oggi ospitano al piano terra negozi di souvenir e abbigliamento, ristoranti e caffè, quindi si rivela un ottimo posto per trascorrere un po’ di tempo a guardare le vetrine e fare shopping.

Museo delle Genti d’Abruzzo

Il Museo delle Genti d’Abruzzo offre una panoramica delle tradizioni e dei costumi della regione Abruzzo. È un’ampia mostra allestita in 13 stanze in ordine cronologico, dalla Preistoria al Risorgimento e oltre, con una collezione di articoli davvero sorprendente, legati in particolar modo alla vita di campagna: si spazia dall’attrezzatura agricola agli articoli per la casa, dagli strumenti per la tessitura e la produzione di ceramiche fino ai gioielli e i vestiti.

Trabocchi

Visibili dalla spiaggia alla foce del fiume Pescara, i trabocchi costituiscono uno degli scenari più pittoreschi di Pescara. I trabocchi sono palafitte che in passato era usate per la pesca e sono una testimonianza ed esempio della vita marinara della città. È piacevole raggiungerli passeggiando al tramonto e molti di essi sono stati convertiti in ristoranti di pesce dove godersi una cena romantica sul mare, sebbene non proprio economica.

Pineta dannunziana

Situata nella zona meridionale della città di Pescara, la Pineta dannunziana è una vasta riserva naturale. È il polmone verde di Pescara, adatta per piacevoli passeggiate, per fare sport o portare i bimbi. Nella pineta ci sono un lago con anatre e cigni, prati curati, aree giochi e bei sentieri in cui passeggiare tra le specie vegetali autoctone, tra cui pini marittimi, olmi, aceri e pini d’Aleppo.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore dei libri Giappone Spettacularis ed Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).