Cosa vedere a Lugano

La vicinanza all’Italia dona a Lugano una rilassata atmosfera mediterranea che si mescola con la cultura svizzera. Un binomio che si ritrova nell’architettura e nella cucina di questo luogo. Lugano è la città più grande e popolare del Ticino e la bellezza della sua cornice la rende una delle località di villeggiatura più apprezzate della Svizzera. Circondata dalle montagne, la città si adagia sul Lago di Lugano dove ville, cittadine e giardini si ergono lungo le sponde. Ma cosa c’è esattamente da vedere a Lugano? Se siete pronti a scoprire questa famosa località svizzera, eccovi alcune delle migliori cose da fare e da vedere a Lugano.

Lago di Lugano

Di gran lunga l’attrazione principale di Lugano è il suo bellissimo lago che è possibile godersi in molti modi, con un tour in barca, rilassandosi sulle spiaggette che punteggiano le rive o passeggiando sul lungolago ammirando le montagne e le foreste che lo avvolgono. Le montagne non solo danno al Lago di Lugano uno scenario mozzafiato da quasi ogni angolazione, ma forniscono alcuni dei punti panoramici migliori da cui ammirare questo specchio d’acqua. Alcune delle attrattive più popolari intorno al lago sono accessibili in barca, un ottimo modo per raggiungere cittadine, ville e grotte che si trovano lungo le sponde assieme a tante zone verdi. Una di queste è il Parco Municipale, dove si trova il Palazzo dei Congressi e Villa Ciani, sede di collezioni storiche e d’arte.

Monte San Salvatore

Nonostante la sua altezza sia di soli 912 metri, il Monte San Salvatore offre uno dei panorami più belli su Lugano e le Alpi. La funicolare consente di arrivare in vetta in pochi minuti ma gli appassionati di trekking possono cimentarsi nel percorso di un’ora e mezza su cui un tempo viaggiavano i pellegrini. Dalla cima guardando in basso potete vedere il Lago di Lugano mentre si snoda tra i ripidi pendii boscosi che lo circondano, i tetti di tegole rosse che si sparpagliano sulle colline della città e altri villaggi che si raggruppano intorno alla riva. Voltando invece le spalle al lago e alla città troverete un mare di vette alpine che si estende fino all’orizzonte. Alla stazione superiore troverete un ristorante, una terrazza panoramica, giardini e sentieri che conducono ad altre località nei dintorni.

Santa Maria degli Angioli

Chiesa di un ex convento, Santa Maria degli Angioli è un piccolo gioiello architettonico e si affaccia sul lago alla fine della via dello shopping più elegante di Lugano. L’esterno è molto semplice ma all’interno si trova uno dei tesori d’arte più imponenti del Ticino, un’intera parete coperta da un unico affresco, il capolavoro di Bernardino Luini del primo Cinquecento, la grandiosa “Passione e Crocefissione”. A decorare la chiesa ci sono altre tre opere e dipinti di Luini.

Monte Bre

Il Monte Bre, il cui caratteristico cono sorge all’estremità nord di Lugano è la montagna più vicina alla città ed è raggiungibile facilmente tramite funicolare o sentieri pedonali. Raggiunge un’altezza di 933 metri e una volta giunti in cima, oltre ad una terrazza panoramica, troverete due ristoranti. Sul versante orientale si trova il villaggio di Bre, un minuscolo insediamento di case tradizionali in stile ticinese molto amato dagli artisti: qui potete visitare il Museo Wilhelm Schmidt che espone opere del pittore svizzero. La terrazza panoramica offre una vista non solo dell’intera valle del Lago di Lugano, ma spesso si riescono a scorgere persino il Monte Rosa e le Alpi. 

Centro storico di Lugano

Il centro storico di Lugano si sviluppa dalle tre piazze che circondano il suo Palazzo Civico, con un susseguirsi di vie, scalinate e terrazze. Un’ampia piazza si apre davanti alla Chiesa di San Lorenzo, la cattedrale di Lugano, che conserva all’interno bellissimi affreschi medievali. Nel cuore del centro storico si trova Piazza della Riforma attorno alla quale ruota la vita quotidiana della città. Qui si trovano il Municipio e pittoreschi edifici color pastello che spesso ospitano al piano caffè, bistrot e ristoranti. Scendendo le strade tortuose del centro storico si raggiunge il lungolago.

Gandria e il Sentiero dell’Olivo

Per gli amanti del trekking nella natura, c’è un affascinante sentiero si snoda attraverso antichi boschetti di ulivi secolari che abbracciano il versante soleggiato del Monte Bre. L’escursione è deliziosa e offre scorci suggestivi sul lago. Il percorso inizia a Gandria e lungo la camminata ci sono vari cartelli che danno informazioni sugli ulivi raccontandone storia, botanica, coltivazione, gli usi culturali e i prodotti che si ricavano dalla pianta. La passeggiata dura circa due ore ed è una camminata facile e rilassata. Una sosta la merita anche il pittoresco villaggio terrazzato di Gandria che si affaccia sul lago. Tra i suoi vicoli ripidi e stretti e i vicoli porticati si trovano ristoranti, una chiesa storica e un museo.

Il Museo del cioccolato Alprose

Un’uscita divertente per bambini e adulti, l’Alprose Chocolate Museum offre una visione completa della storia del cioccolato da concludere con una degustazione. Nello stabilimento Alprose ci si immerge nell’aroma del cioccolato e qui è possibile osservare il processo di lavorazione e il confezionamento del cioccolato con tanto di spiegazioni dettagliate. I visitatori possono successivamente assaggiare cioccolatini e acquistare souvenir nel museo e nel negozio Alprose.

Lido di Lugano

Per chi viaggia in estate il Lido di Lugano è l’ideale per rilassarsi e fare un tuffo. Questo stabilimento adagiato sulle rive del lago ha una spiaggia di sabbia fine, piscine per adulti e bambini e ampi spazi verdi. È un luogo perfetto per trascorrere la giornata in famiglia e godersi il paesaggio montuoso che circonda il lago. Nella stagione fredda le piscine vengono coperte e l’acqua riscaldata, permettendo così di fare il bagno tutto l’anno.

Marco Togni

Autore

Marco Togni

Abito in Giappone, a Tokyo, da molti anni. Sono arrivato qui per la prima volta oltre 15 anni fa.
Mi piace viaggiare, in particolare in Asia e non solo, e scoprire cibi, posti e culture.
Fondatore di GiappoTour e GiappoLife. Sono da anni punto di riferimento per gli italiani che vogliono venire in Giappone per viaggio, lavoro o studio. Autore del libro Instant Giapponese (ed.Gribaudo/Feltrinelli) e produttore di video-documentari per enti governativi giapponesi.
Seguito da centinaia di migliaia di persone sui social (Pagina Facebook, Instagram, Youtube).