Aspetti positivi del viaggiare

Poche cose aprono la mente come un viaggio: viaggiare porta a contatto con culture e stili di vita diversi e porta in molti casi ad apprezzare ancora di più quello che si ha e a non dare mai nulla per scontato.

Viaggiare riduce lo stress

Quando si viaggia, ci si allontana dalla routine quotidiana noiosa e si ha la possibilità di sperimentare cose nuove, tali da stimolare il cervello in maniera positiva.

Anche quando si viaggia per lavoro, il solo fatto di trovarsi in una realtà completamente nuova aiuta a ridurre sensibilmente lo stress.
Naturalmente possono subentrare dei momenti di stress, legati agli spostamenti e piccoli inconvenienti che possono capitare nell’ambito di una vacanza, ma lo stress da viaggio è uno stress positivo, non legato alle ansie della vita quotidiana.

Viaggiare porta a conoscere nuove culture

Quando ci si allontana dalla propria città e soprattutto dal proprio paese, si incontrano persone le cui vite sono caratterizzate da aspetti e priorità totalmente diversi dai propri, a volte addirittura opposti. Ecco perché si è soliti dire che viaggiare apre la mente: immergersi per qualche giorno in uno stile di vita differente dal proprio contribuisce ad acquisire una visione più ampia del mondo, ridimensionando certi valori e certe esigenze che fino a poco tempo fa si credevano universali.
L’apertura mentale che un viaggio comporta riguarda anche e soprattutto il cibo. Quante volte capita di essere riluttanti ad assaggiare cibi etnici ed esotici, salvo poi apprezzarli in tutto e per tutto nel momento in cui li si assaggia nel paese di provenienza?

Viaggiare porta a conoscere nuove persone

Sia che si viaggi da soli, sia che lo si faccia con altre persone, un viaggio è un ottimo modo per conoscere gente nuova e in qualche caso fare amicizie da coltivare anche dopo il viaggio. Questo accade spesso nei tour organizzati, dove ci si ritrova a condividere un percorso con altre persone che prima non si conosceva, e nel corso del quale si vive fianco a fianco giorno e notte, mangiando negli stessi ristoranti, vedendo gli stessi luoghi e dormendo negli stessi alberghi.
Condividere un’esperienza preziosa come un viaggio è spesso un’ottima base su cui sviluppare un’amicizia che prosegua anche dopo il viaggio.
Nuove persone, nuovi posti e nuove culture lasciano sempre un segno positivo nella propria vita.

Viaggiare consolida i rapporti

In famiglia o con il partner, un viaggio può essere un ottimo modo per consolidare i rapporti e arricchire il proprio percorso di vita condividendo insieme tale esperienza.
La routine di tutti i giorni porta ad essere spesso distanti, e il poco tempo che rimane a disposizione è spesso inquinato dallo stress accumulato durante il giorno.
Ecco perché un viaggio può diventare un ottimo modo per riavvicinarsi alla persona amata o magari passare più tempo con i propri figli.

Viaggiare mantiene la mente e il corpo attivi

Nulla risveglia mente e corpo come un viaggio. Anche i più pigri finiscono quasi sempre con il cimentarsi in qualche sport che a casa non si sognerebbero mai di praticare: tiro con l’arco, rafting, sci d’acqua ecc.
Questo perché la vacanza ci proietta in una realtà diversa dalla solita, dove si è più propensi a lasciarsi andare e a sperimentare nuove attività, un vero e proprio tocca sana per coloro che, nella vita di tutti i giorni, si alternano tra la scrivania dell’ufficio e il divano di casa.

Viaggiare permette di imparare cose nuove

Uno degli aspetti più importanti legati al viaggio è rappresentato dalla possibilità di imparare cose nuove, a cominciare dalla lingua. A chi non è capitato di imparare almeno qualche parola di base come “ciao” o “grazie”? A tutto questo vanno aggiunti i tanti aspetti a livello geografico, storico e culturale che si possono apprendere quando si visita un paese straniero e quando magari si ha la fortuna di essere accompagnati da guide preparate in grado di aprirci gli occhi su un mondo nuovo.