Visto turistico in Thailandia

Quante volte sogniamo una vacanza distesi al sole, circondati da spiagge bianche e un mare cristallino oppure zaino in spalla attraverso incantevoli riserve naturali e siti archeologici o ancora immersi nel fascino di una metropoli multiculturale in continua evoluzione? Se non volete rinunciare a nessuna di queste avventure, la Thailandia fa al caso vostro. Il cuore pulsante dell’Asia sud-orientale, conta ogni anno un numero sempre maggiore di turisti provenienti da ogni angolo del pianeta, attirati dalle numerose possibilità offerte da un paese famoso soprattutto per la sua accoglienza, oltre che per le sue bellezze, tanto da essere definito “la Terra dei Sorrisi”. Un altro punto a favore è anche il fatto di essere una meta decisamente low cost rispetto ad altre località turistiche.

Se il paese dalle mille sfaccettature vi affascina, eccovi qui una piccola guida sui diversi tipi di visto turistico disponibili e sulla documentazione necessaria.

30 GIORNI VISA FREE

La notizia positiva è che se intendete soggiornare in Thailandia per un periodo non superiore a 30 giorni, non è necessario richiedere alcun visto turistico. Al vostro arrivo in aeroporto vi verrà apposto un timbro sul passaporto che vi consentirà di rimanere nel paese per un massimo di 30 giorni. Se invece entrate nel paese via terra vi verrà concesso un visto della durata di 15 giorni. Questo permesso turistico viene rilasciato in forma gratuita.

Al pari di altri paesi, le norme thailandesi sull’immigrazione sono molto rigide e sono previste sanzioni severe per chi non le rispetta. Non è ovviamente consentito lavorare o svolgere un’attività commerciale durante il soggiorno in Thailandia, ed è obbligatorio essere in possesso di un biglietto che testimoni l’uscita dal paese entro i 15 o 30 giorni successivi all’ingresso nel paese. Ricordate però che sono considerati validi solamente i biglietti aerei, mentre i viaggi in treno o autobus nei paesi limitrofi non vengono considerati prova della vostra intenzione di lasciare il paese e potete rischiare che vi venga rifiutato il permesso di ingresso.
É inoltre necessario dimostrare di avere a disposizione i mezzi economici sufficienti a finanziare il vostro soggiorno (20.000 bath a persona, ovvero circa €500).

IL VISTO TURISTICO

Se invece volete fermarvi in Thailandia per un periodo superiore ai 30 giorni, è necessario rivolgersi all’ambasciata thailandese o ai consolati presenti in Italia, e richiedere il rilascio di un visto turistico che può avere una durata massima di 90 giorni. Esistono 3 diversi tipi di visto turistico, che vi elenco qui di seguito:

  • Visto ad ingresso singolo (costo € 30.00), ha una validità di 3 mesi dalla data di rilascio e dà diritto a 60 giorni di soggiorno dalla data di entrata nel Paese;
  • Visto ad ingresso doppio (costo € 60.00), ha una validità di 6 mesi dalla data di rilascio e dà diritto a 60 giorni di permanenza a partire da ogni entrata nel Paese:
  • Visto ad ingresso triplo (costo € 90.00), ha una validità di 6 mesi dalla data di rilascio e dà diritto a 3 ingressi, ognuno con 60 giorni di soggiorno. Per questo visto, oltre alla documentazione di base, dovrete presentare anche una fotocopia del biglietto aereo che dimostra l’uscita dal paese durante i sei mesi di permanenza.

Per ciascuno di questi visti, può essere richiesta un’estensione di 30 giorni, presentando domanda ad un ufficio immigrazione presente in loco.

DOCUMENTI NECESSARI ALL’OTTENIMENTO DEL VISTO

Per ottenere il visto di turistico, dovrete recarvi all’ambasciata o al consolato (è possibile anche richiedere il visto a mezzo corriere, per informazioni potete contattare direttamente i consolati) con la seguente documentazione:

  • un modulo di richiesta del visto (scaricabile dal sito del consolato)
  • due fototessera a colori recenti
  • Passaporto con validità superiore di 6 mesi con una fotocopia delle pagine con foto e dati personali
  • Prenotazione del biglietto aereo andata/ritorno con fotocopia

Il visto turistico viene solitamente rilasciato in giornata.