Taizo-in

Nella zona a nord-ovest di Kyoto, all’interno del complesso di Myoshin-ji, si trova uno dei luoghi più amati dagli appassionati di cultura zen: il piccolo tempio buddista di Taizo-in.

Questo edificio accoglie ogni giorno numerosi fedeli e turisti che qui possono immergersi appieno nella cultura zen grazie agli spazi educativi e alle attività promosse dallo splendido staff del tempio; qui potete meditare, partecipare alle cerimonie del tè o esercitarvi nella calligrafia giapponese. E non solo: questo piccolo gioiello è incastonato tra bellissimi giardini, delle vere e proprie opere d’arte che donano al tempio una cornice suggestiva e colorata.

Mappa:

Nome: Taizo-in
Orario: Dalle 9 alle 17
Costo a persona: 500yen


Nelle vicinanze:

ryoanji-headerA 1407 metri
tempio-oro-kyoto-headerA 2149 metri
mos-burger-fA 2397 metri
toriiwaro-fA 2692 metri
castello-nijo-fA 2799 metri
kappa-zushi-fA 2894 metri

Cenni storici

Il piccolo tempio Taizo-in fu costruito nel 1404 per volere del monaco zen Muinsoin e rappresenta il più antico e il più famoso edificio del complesso di Myoshin. Come altri templi di Kyoto anche Taizo-in non sopravvisse alla violenta guerra di Onin, perciò l’edificio che potete ammirare oggi è in  realtà una ricostruzione. Secondo gli storici il suo bellissimo giardino karesansui fu realizzato nel periodo Muromachi ad opera dell’illustre artista Kano Motonobu.

Giardini, arti e cerimonia del tè

Ciò che lascia i visitatori senza fiato non appena varcano la soglia del tempio sono i suoi due giardini, due capolavori artistici a cui si attribuisce la notorietà di Taizo-in.
Il principale giardino del tempio è Motonobu-no-niwa, realizzato nel tradizionale stile giapponese del “paesaggio secco” (karesansui), dove a dominare il paesaggio sono le formazioni rocciose che  riportano alla mente vari scenari naturali. Osservando il giardino potete riconoscere le scogliere dell’isola di Horai e vi sembrerà di notare la forza dell’acqua infrangersi contro le rocce più piccole; la vegetazione che incornicia il giardino completa e adorna il “paesaggio in prestito” della collina di Narabigaika, visibile in lontananza, ed è composta soprattutto da alberi sempreverdi come il pino e da splendidi fiori come la camelia che pervadono il giardino con il loro profumo.

Proseguite nella vostra visita “naturale” ammirando la seconda bellezza del tempio, il giardino Yoko-en; aggiunto attorno al 1960, questo giardino si sviluppa su un’area abbastanza ampia che permette ai visitatori di passeggiare e sostare comodamente godendosi la quiete di questa oasi verde interrotta solamente dal suono delle cascatelle d’acqua. Ad adornare quest’area verde c’è un incantevole lago e tantissimi fiori variopinti che regalano a questo luogo un aspetto fiabesco.
Ma il tempio di Taizo-in non è solo sinonimo di bellezze naturali; in questo edificio sono custoditi tantissimi tesori artistici, tra cui Hyonenzu, il più antico dipinto ad inchiostro realizzato nel periodo Muromachi dal celebre pittore Josetsu e considerato una vera e propria innovazione per l’epoca.

Concludete la visita nella sala da tè del tempio, la Daikyuan, situata all’interno del giardino Yoko-en dove potete rilassarvi sorseggiando il tradizionale tè verde giapponese con una bellissima vista sul giardino; approfittatene anche per assaggiare uno dei dolci tipici della casa, chiamato Hyonengashi in onore del dipinto Hyonenzu e preparato con un impasto di fagioli rossi dolci, zucchero e amido: una vera e rara prelibatezza!

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!