Squadre sportive a New York

Per chi è appassionato di sport o semplicemente curioso di conoscere gli sport più amati dagli americani, assistere ad una partita a New York è il modo migliore per sfruttare al meglio la vacanza nella Grande Mela e tifare, anche solo per un giorno, una delle squadre della città! New York ricopre da sempre un ruolo importante nella storia sportiva americana: è la città è dove Mark Messier ha guidato i Rangers alla conquista della Stanley Cup, dove “Babe” Ruth è diventato la leggenda del baseball,  dove il giocatore di baseball dei Dodgers di Brooklyn Jackie Robinson fece il suo esordio come primo giocatore di colore della Major League e dove si disputò la finale del campionato di football americano del 1958, conosciuta da tutti come la “Greatest Game Ever Played”, ovvero la più grande partita mai giocata, che portò il football a diventare uno degli sport più popolari negli Stati Uniti.

Anche se il calcio non è lo sport più popolare è possibile assistere a una partita delle due squadre di calcio Red Bulls e New York City FC oppure si può puntare su uno degli sport preferiti dai newyorchesi, ovvero basket, baseball, football americano e hockey sul ghiaccio. Come accade in Italia, anche a New York ci sono gli “Sport Bar” ovvero pub-ristoranti dove ci si ritrova a bere una birra, cenare e a guardare le partite della propria squadra del cuore, ma per avvicinarsi maggiormente alla cultura sportiva, non c’è niente di meglio che assistere ad un incontro sportivo dal vivo, in uno dei tanti stadi della città. L’esperienza è sicuramente diversa da quella a cui siamo abituati in Italia con il calcio: andare allo stadio è un momento di festa, un’occasione per stare in famiglia e tifare, con la giusta dose di sana competizione, il proprio team, senza il rischio di trovarsi coinvolti o assistere ad episodi di violenza. Ogni partita è vista come un evento e non mancano i momenti di spettacolo prima dell’inizio dell’incontro o durante gli intervalli: ci sono i balletti delle cheerleaders, l’esecuzione degli inni, gli intrattenimenti offerti dalle mascotte e non è raro assistere a dichiarazioni d’amore o proposte di matrimonio allo stadio, come magari avrete già visto in qualche film. Tutto questo rende la partita un’esperienza divertente e coinvolgente per tutti, anche per chi non è necessariamente un tifoso. Acquistare i biglietti degli eventi sportivi è inoltre davvero molto facile, ma prima di tutto è importate farsi un’idea degli sport più popolari e conoscere le stagioni dei vari campionati.

Gli sport e le squadre di New York

Non è difficile individuare quali siano gli sport più seguiti a New York, e in generale in America: a volte basta anche solo passeggiare per le vie del centro per imbattersi nei negozi di merchandising e attrezzatura sportiva dedicata ai team della NBA, della NHL (National Hockey League) e del baseball. La maggior parte di questi store non sono dei semplici negozi, ma si occupano anche delle prevendite dei biglietti e offrono ai tifosi delle vere e proprie esperienze a tutto tondo, organizzando eventi con gli atleti più famosi, personalizzando gli articoli in vendita e dando la possibilità di divertirsi con attrazioni interattive all’interno del negozio. Se vi capita di passare di fronte ad uno di questi store provate ad entrare per provare anche solo ad immergervi in questa atmosfera unica e immedesimarvi in uno dei tanti tifosi di queste squadre.

Se poi volete comprare i biglietti, potete farlo sia nei negozi che online sui siti ufficiali, tenendo presente che gli sport più gettonati e belli da vedere sono i seguenti.

Il baseball

È probabilmente lo sport americano per eccellenza, quello che abbiamo visto più volte nei film e in particolare a New York è di certo il più popolare. Molti newyorchesi vi diranno che esiste una sola squadra a New York, ovvero gli Yankees, perché la maggior parte dei residenti tifa quello che è considerato il primo team della città (e sappiate che per i tifosi degli Yankees non esistono altre squadre!) ma in realtà ci sono anche i Mets, squadra che ha comunque un buon seguito ma meno popolare della prima. I seguaci dei Mets sono in gran parte i “tifosi orfani” delle squadre dei Dodgers di Brooklyn e dei New York Giants (da non confondere con l’omonima squadra di football), che si sono trasferite sulla West Coast.  Gli Yankees, chiamati anche Bronx Bombers, sono anche la squadra che ha vinto più titoli nella Major League, con molti giocatori che vantano una stella nella Hall of Fame (tra cui appunto Babe Ruth), e disputano i loro incontri allo Yankee Stadium nel Bronx, considerato un vero e proprio santuario del baseball. Lo stadio è visitabile all’interno anche quando non è in corso il campionato: ospita un museo dedicato agli Yankees, con cimeli, coppe vinte e oggetti autografati, ed è possibile accedere agli spalti e alle varie sale interne. I Mets invece potete vederli al City Fields di Flushing Meadows, nel Queens. Per assistere meglio agli incontri sportivi potrebbe essere utile imparare qualche regola, perché il baseball è uno degli sport più complicati da capire se non si conoscono almeno le basi del gioco.

Oltre alle due squadre della Major League, a New York troverete altri due team che giocano nella Minor League: si tratta dei Brooklyn Cyclones che sono affiliati ai Mets e giocano nello stadio di Coney Island, e gli Staten Island Yankees che appartengono sempre alla società degli Yankee, ma giocano in uno stadio di Staten Island. Per chi non si intende molto di baseball potrebbe essere interessante scoprire questo sport vedendo le partite del campionato “di serie B” per respirare un’atmosfera un po’ più raccolta e godere anche di splendide viste, considerato che entrambi affacciano sul mare e dallo stadio di Staten Island si vede un bellissimo panorama sullo skyline di Manhattan.

Quando si gioca il campionato di baseball: da aprile a ottobre.

Il basket

Il basket è da sempre uno sport molto popolare in America, soprattutto nella comunità afroamericana: come avrete visto in molti film sono tanti i ragazzi di colore che grazie alle borse di studio offerte per il grande talento sportivo nella pallacanestro riescono a frequentare le università. Le università stesse vantano le proprie squadre di basket e un campionato dilettantistico a cui guardano con attenzione i talent scout della NBA. E New York non è un’eccezione: qui il basket si gioca ovunque, nelle scuole e anche nei campetti in spiaggia a Coney Island o in città. Vi basta fare una passeggiata attorno a Washington Square Park per vedere alcuni campi da basket e assistere a delle partite tra giovani team maschili e femminili.

E quale appassionato di basket non ha mai sognato di giocare in squadra con leggende come Michael Jordan o “Magic” Johnson? La NBA è di certo il miglior campionato di basket al mondo, con squadre fortissime e famose e giocatori che spesso rubano la scena alle star dello spettacolo. Le squadre di New York sono due: la più popolare e blasonata sono i NY Knicks che potete vedere al Madison Square Garden, e i Nets, meno famosi, che invece disputano i loro incontri al Barclays Center di Brooklyn. I Knicks sono diventati famosi tra gli anni ’80 e ’90 grazie a giocatori come Patrick Ewing e anche se nella loro storia non hanno vinto molti titoli, pur essendoci andati molto vicino, sono considerati uno dei team più forti della NBA. I newyorchesi sono molto affezionati a questo team, divenuto ormai un’istituzione la cui fama va al di là delle vittorie sul campo: tutti ricordano gli epici scontri tra i giganti Patrick Ewing e Willis Reed contro Michael Jordan e Indiana Pacer Reggie Miller dei Chicago Bull. Anche il nome del team è strettamente legato a New York: Knicks è l’abbreviazione di Knickerbockers, un termine che veniva utilizzato in passato per indicare una persona originaria o residente di New York.  Dal 1997 la NBA ha introdotto anche un campionato femminile, il Women NBA e la squadra “rosa” della Grande Mela è la New York Liberty, considerata tra le più forti del campionato. Anche se i team femminili non sono famosi quanto quelli maschili, le partite sono ugualmente spettacolari e belle da vedere e anche queste si svolgono al Madison Square Garden.

Quando si gioca il campionato della NBA: dalla fine di ottobre alla metà di aprile.

Football americano

Simile al rugby, ma con alcune differenze nelle regole di gioco, il football americano è un altro sport molto popolare in America, ma meno conosciuto all’estero dove è poco giocato. Come per il baseball comprendere almeno le regole base di questo sport potrebbe essere utile per godersi al meglio la partita, dato che anche questo sport non è facilissimo da capire a prima vista, ma l’atmosfera che si respira allo stadio è comunque incredibile!

Le squadre della città sono due: i Giants e i Jets. I Giants sono la squadra storica e più famosa di New York: la storia dei “Big Blue” è costellata di partite indimenticabili, come la già citata finale del 1958, anche se si concluse con una sconfitta, e tante vittorie al Superbowl sotto la guida di giocatori come Jeff Hostetler, Phil Simms e Eli Manning . I Giants condividono lo stadio con i Jets, soprannominati invece “Gang Green”: entrambi i team giocano nel New Jersey al New Metlife Stadium, un vero gioiellino di architetttura moderna. Il derby capita solo una volta ogni quattro anno ed è uno degli eventi più attesi, ideale per chi vuole tifare la città di New York! I Jets sono il team più “giovane”, nato negli anni ’60, e anche se vantano un discreto numero di tifosi hanno vinto pochissimi titoli durante la loro storia.

Uno degli eventi più spettacolari è la finale della stagione, il famoso SuperBowl, che ogni anno incolla tantissimi americani di fronte alla tv per seguire non solo la partita ma anche i concerti di star famose che solitamente precedono l’incontro. Lo stadio in cui si disputa il Superbowl cambia di anno in anno, e qualora fosse a  New York vi consiglio di non perdervelo, anche se i biglietti solitamente sono sold-out già da alcuni mesi prima.

In generale i biglietti degli incontri di football vanno a ruba, quindi per chi non riuscisse a trovare i biglietti un’alternativa è il campionato della minor league, inaugurato nel 2014, dove giocano i giovani talenti dei Brooklyn Bolts. Le partite si tengono allo stadio MCU Park di Coney Island.

Quando si gioca il campionato del football americano: da settembre a dicembre.

Hockey sul ghiaccio

Il campionato di hockey sul ghiaccio vede scontrarsi in campo squadre americane e canadesi che vantano senza dubbio i migliori giocatori al mondo: questo rende il torneo uno dei più appassionanti e seguiti dai tifosi locali e stranieri. Il portiere dei New York Rangers, lo svedese Henrik Lundqvist, è stato più volte premiato come migliore giocatore ed è anche il più pagato del campionato.

Come da tradizione l’hockey si gioca nei palazzetti e se i New York Rangers giocano al Madison Square Garden, l’altra squadra della città, i New York Islander, gioca a Long Island. Anche se i Rangers hanno vinto poche volte il campionato, rimanendo a secco per ben 54 anni di fila, si tratta indubbiamente del team più famoso e con il maggior numero di tifosi: questo si traduce spesso in un tutto esaurito per ogni incontro. L’hockey è forse lo sport che più assomiglia al calcio italiano in quanto a partecipazione e coinvolgimento dei tifosi: i fan dei Rangers non perdono mai l’occasione per far sentire il loro sostegno alla squadra, in particolar modo quando l’avversario in campo sono i Devils del New Jersey e i loro nemici di sempre, i NY Islanders. Questi ultimi rappresentano un’ottima alternativa per chi non riuscisse a vedere una partita dei Rangers.

Quando si gioca il campionato di hockey su ghiaccio: da ottobre a metà aprile.

Calcio

Per i fan del calcio, che non vogliono rinunciare al loro sport nemmeno in vacanza, potrebbe essere interessante assistere ad una partita di “soccer”, come viene chiamato in America. Va detto che il calcio non è molto popolare negli Stati Uniti, anche se negli ultimi anni sta conquistando sempre più tifosi e anche a New York, se vi capita di passeggiare lungo il Brooklyn Bridge Park vi capiterà di notare dei campetti di calcio realizzati sui vecchi moli (con bellissima vista dello skyline di Manhattan!)

Le squadre di calcio di New York sono due: i Red Bulls, uno dei club più grandi e famosi del campionato, e il New York City FC, un team nuovo nato solo nel 2015. I Red Bulls vantano tra le loro file moltissimi giocatori internazionali, tra cui Thierry Henry e Tim Cahill, e disputano i loro incontri alla Red Bull Arena, nel New Jersey, considerato da molti il miglior stadio di calcio degli Stati Uniti. I New York City FC giocano invece allo Yankee Stadium e anche loro vantano acquisti importanti, tra cui David Villa e il famoso calciatore italiano Andrea Pirlo (che potreste avere la fortuna di incontrare a New York!).

Quando si gioca il campionato di calcio: da marzo alla fine di ottobre.

Le partite di campionato e i playoff

La data della fine dei campionati è in realtà variabile, poiché al termine della stagione regolare si disputano i playoff ovvero gli spareggi ad eliminazione diretta che servono poi per stabilire il vincitore del torneo.

Ma se uno dei team che avete in programma di vedere non si qualifica per i playoff non avrete l’occasione di assistere ad un loro incontro, quindi se andate a New York con il sogno di vedere un incontro sportivo di una determinata squadra, per andare sul sicuro è preferibile scegliere in periodo in cui si giocano le partite di campionato.

Acquistare i biglietti

Il prezzo dei biglietti dipende da tanti fattori, come l’importanza della partita (le partite di campionato costano meno rispetto a quelle di playoff) e ovviamente la tipologia di posto nello stadio (tribuna, anelli, ecc.). È comunque sempre preferibile acquistare i biglietti in anticipo online o presso i negozi, evitando di comprarli il giorno stesso allo stadio, quando solitamente rimangono pochi posti disponibili e se siete in gruppo potreste non trovare tutti i posti vicini.

Per chi vuole risparmiare consiglio di vedere le amichevoli, che si svolgono a partire da circa un mese prima dell’inizio del campionato e permettono ai vari team di allenarsi e rimettersi in forma dopo la pausa del campionato.