Shiretoko

La penisola di Shiretoko si protende sul Mare di Okhotsk e si trova nella parte nord-est di Hokkaido, l’isola più settentrionale del Giappone.
Si dice che sia l’ultima regione inesplorata del Giappone, ed è caratterizzata da cime scoscese coperte di foreste vergini. L’intera zona è diventata un parco nazionale, dove volano indisturbate aquile di mare e cormorani. Le città di Utoro e Rausu, sul lato orientale della penisola, sono punti di partenza ideale per i tanti turisti che ogni anno giungono in questo remoto angolo del pianeta per osservare una natura quasi del tutto incontaminata. Queste due città sono collegate tra loro dalla Shiretoko-Odan Road e sono note per la presenza di una particolare alga, il konbu Rausu, nonché per alcune sorgenti calde che sgorgano in mare.

Un modo piacevole per scoprire la bellezza del paesaggio è quello di salire a bordo di uno dei tanti battelli turistici in partenza da Utoro.
Il Shiretoko National Park è uno dei parchi nazionali più belli e incontaminati di tutto il Giappone, privo di strade asfaltate per oltre tre quarti del suo territorio e con molte zone visibili solo dai battelli o raggiungibili attraverso sentieri immersi nella natura.
In inverno, le coste che si affacciano sul Mare di Okhotsk sono ricoperte da banchi di ghiaccio e diventano il luogo ideale per osservare i fenomeni di slittamento dei banchi sul mare. Nel 2005, Shiretoko è stata aggiunta alla lista dei siti Patrimonio Mondiale dell’Unesco per l’inestimabile valore del suo ecosistema e per la sua biodiversità.

Un prezioso patrimonio faunistico

L’area fornisce un eccellente esempio dell’interazione degli ecosistemi marini e terrestri ed è sede di un’incredibile varietà di fauna selvatica, tra cui l’orso bruno e le volpi, oltre a specie animali particolari come ad esempio il gufo pescatore di Blackiston e la pianta Viola Kitamiana.
Il sito è importante a livello mondiale soprattutto per gli uccelli marini e quelli migratori, per le numerose specie di salmonidi e per i mammiferi marini, tra cui cetacei e leoni marini.

Laghi e cascate

Shiretoko è conosciuta anche come il “regno delle cascate“, molte delle quali sono visibili dai battelli che navigano intorno alla penisola: tra gli esempi più significativi le Cascate Kamuiwakka , dalle calde acque che emanano vapore, le Cascate Furepe, dalla commovente bellezza e le Cascate Oshinkoshin, che scorrono scenograficamente verso il mare. Molto belli anche i laghi di Shiretoko-Goko, piccoli e silenziosi laghetti circondati da una foresta vergine e conosciuti anche con il nome di “cinque gioielli“.

Luoghi più interessanti

Utoro

Città termale con 25 strutture alberghiere. Punto ideale per escursioni alla scoperta delle sorgenti di acqua calda, in particolari quelle di Kamuiwakka, che sgorgano dal cuore del Monte Iou e il cui bacino è stato trasformato in un bagno termale all’aperto.

Cinque Laghi di Shiretoko

Detti anche i “cinque gioielli”, si trovano immersi in una foresta vergine incontaminata e sono contornati da piacevoli sentieri per le escursioni, in mezzo ad una natura che cambia colore a seconda della stagione.

Rausu

Questa località sul mare è celebre per le alghe, i frutti di mare e il granchio reale. Da qui si raggiungono in breve tempo Aidomari e a Seseki, centri termali con grandi vasche all’aperto.

Monte Rausu

Con i suoi 1661 metri, questo monte è il più alto della penisola di Shiretoko e dalla sua cima si gode di un panorama mozzafiato che arriva fino all’isola di Kunashiri.

Cascate Oshin-Koshin

Sono le principali cascate della penisola e inserite nelle cento più belle cascate del mondo. Sono alte circa 80 metri.

Battello Aurora

Si tratta di un battello che compie una crociera con partenza da Utoro e arrivo a Capo Shiretoko; offre splendidi panorami che non potrebbero essere visti dalla terra ferma.

Foto





























Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!