Shirakami Sanchi

Shirakami-Sanchi è una zona montagnosa che si estende su una superficie di circa 130.000 ettari, a cavallo tra le prefetture di Aomori e Akita. La costruzione di una prima strada forestale che attraversasse le montagne ebbe inizio nel 1982, ma, a causa delle animate proteste degli ambientalisti, il progetto venne interrotto. Dopo aver registrato la presenza del raro picchio nero tra i boschi di faggi, fu concesso lo status di patrimonio naturale e vennero adottate delle misure conservative che hanno portato, pochi anni dopo ad iscrivere la catena montuosa Shirakami nella lista dei siti Patrimonio Mondiale Unesco, insieme all’isola di Yakushima e a vari altri siti giapponesi. La regione è di rara bellezza, grazie a paesaggi aspri e selvaggi, non intaccati dalla presenza dell’uomo: aspre vette, gole scavate dai fiumi, foreste di faggi e cascate. Qui crescono alcune tra le specie vegetali più rare al mondo, così come diverse specie protette di animali tra cui il sopracitato picchio nero e l’aquila reale.

Le montagne si originarono dal brusco sollevamento della crosta terrestre durante il Quaternario, causando faglie che hanno disegnato il territorio creando un paesaggio piuttosto dinamico e dai forti contrasti. Più del 50% della superficie comprende valli profonde con forti pendenze, mentre molti corsi d’acqua nascono da fonti situate nella zona più interna dell’area e sono caratterizzati da un importante bacino idrografico.

La stagione migliore per visitare questa splendida zona è sicuramente l’estate, ma anche l’autunno riserva la piacevole sorpresa di boschi tinti di rosso e foglie colorate.
Numerosi i percorsi per gli amanti del trekking e le pareti dove fare arrampicate e poter raggiungere le vette di Shirakami-dake e Tengu-dake. Il Shirakami-Sanchi Visitor Center, che funge anche da ufficio di informazioni turistiche, è un punto di partenza ideale per un’escursione alla scoperta delle bellezze naturali nei dintorni, oltre che un luogo dove poter ammirare la fauna e l’ecosistema attraverso uno speciale schermo gigante sui cui viene proiettato un documentario 5 volte al giorno.

Flora e fauna da preservare

Purtroppo la glaciazione di circa 2 milioni di anni ha fatto scomparire molti esempi di biodiversità nel mondo, ma qui a Shirakami Sanchi sopravvive ancora uno straordinario ecosistema e una popolazione vegetale primordiale, poiché l’area non fu interessata dalla formazione di ghiacciai. Gli spettacolari faggi che ricoprono le montagne sono alberi estremamente resistenti al peso della neve, che qui in Giappone cade abbondante in molti mesi dell’anno e alcuni di essi hanno più di 200 anni. Al fine di proteggere la rara fauna di questi luoghi molte associazioni si stanno prodigando attraverso specifici programmi di tutela, soprattutto nei confronti di animali a rischio di estinzione come gli orsi asiatici e il particolarissimo picchio nero. Chi decide di visitare Shirakami-Sanchi, è tenuto a rispettare le regole di ogni buon escursionista, provvedendo a rimuovere i propri rifiuti ed evitando di arrecare disturbo agli animali. Sebbene la caccia all’orso sia purtroppo praticata, la tendenza è quella di un capillare intervento di protezione delle specie selvatiche.
Sono state identificate più di 500 specie di piante e 87 specie di uccelli, tra cui l’aquila reale, considerata a rischio di estinzione visto il suo ridotto tasso riproduttivo, il picchio nero e il falco Hodgson. Sono state individuate inoltre ben sette specie di rettili anfibi e addirittura 2212 specie di insetti.
Tra le specie più tipiche di questa regione montuosa troviamo: anatra mandarina, aquila reale, capricorno giapponese, merlo acquaiolo, picchio nero, ghiandaia marina asiatica, ghiro giapponese, martin pescatore, anatra arlecchino e lepre giapponese.

Come raggiungere la regione di Shirakami-Sanchi

Da Tokyo è possibile prendere un treno in direzione Hirosaki, il tragitto dura poco meno di 5 ore. Una volta arrivati ad Hirosaki, occorre prendere un autobus che in circa un’ora porta nei pressi del Shirakami-Sanchi Visitor Center.

Foto:























Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!