Samut Prakan, Città Antica

Samut Prakan, noto anche come Pak Nam, si trova 29 chilometri a sud di Bangkok, intorno alla zona dove il fiume Chao Phraya sfocia nel Golfo di Thailandia. La città, risalente al periodo Ayutthaya, ospita numerosi siti storici e culturali.

La provincia venne creata durante il periodo Ayutthaya, con il suo centro amministrativo situato a Prapadaeng. Re Rama II fece costruire un nuovo centro nel 1819, dopo che il suo predecessore Re Taksin aveva fatto rimuovere la fortificazione della città. Complessivamente, sei forti vennero fatti costruire su entrambi i lati del fiume Chao Phraya: dei sei forti, solo due esistono ancora oggi, ossia Phi Sua Samut e Phra Chulachomklao .
Nella zona si possono ammirare riproduzioni di sale dei palazzi, templi, santuari di pietra e case tradizionali. È inoltre possibile visitare diversi edifici storici ricostruiti e comunità alle prese con le loro faccende quotidiane, in un interessante spaccato di vita tradizionale thailandese.

Cosa vedere

  • Erawan Museum. Erawan Museum è un museo di tre piani che conserva antichità e una collezione inestimabile di antichi oggetti religiosi appartenenti a Khun Lek Viriyapant, il proprietario del museo.
    Con la sua vasta esposizione, il museo permette di apprezzare la storia, cultura, arte e religione della Thailandia. Il punto di riferimento dell’intera struttura è la scultura di un elefante a tre teste, opera bronzea alta circa 29 metri. I tre piani del museo rappresentano i tre mondi secondo la religione indù: il mondo sotterraneo, la terra e il cielo.
  • Museo Navale. Distribuito tra due edifici, il museo espone informazioni storiche sulla Royal Thai Navy e sulle grandi battaglie navali del paese.
  • Mueang Boran o Città Antica. Qui sono ospitate le riproduzioni delle maggiori attrazioni turistiche di tutto il paese, come Khao Phra Wihan, Prasat Hin Phanom Rung, Wat Mahathat, Phra Phutthabat, Phra That , Phra That Chaiya ecc..
  • Crocodile Farm and Zoo. Fondato nel 1950, è attualmente il più grande allevamento di coccodrilli del mondo, dove si allevano più di 60.000 coccodrilli di varie dimensioni. Ospita un centro di educazione e di ricerca per la conservazione della fauna selvatica e un museo suoi dinosauri.
  • Wat Klang Worawihan. Tempio reale del tardo periodo Ayutthaya.
  • Wat Asokaram. Uno dei templi più importanti della provincia, appartenenti all’ordine Dhammayut, contente alcune reliquie del Buddha e una gigantesca statua dell’imperatore indiano Ashok. Il tempio fu fondato dal grande santo Ajahn Lee Dhammadaro, i cui resti sono sepolti in una bara nella sala principale del tempio.
  • Fort Chulachomklao. Moderna fortezza che svolse in passato un ruolo significativo nel proteggere la sovranità della nazione thailandese durante una storica battaglia nel 1893. Il complesso ospita un grande monumento dedicato a Re Rama V.
  • Mae Klong Museum. Nave da guerra della Royal Thai Navy, convertita in museo.
  • Naval Historical Park. L’edificio mette in mostra materiale fotografico Royal Thai Navy, oltre ad armamenti navali e munizioni.
  • Bang Namphueng Floating Market. Il fascino di questo mercato galleggiante è legato proprio allo stile di vita della comunità fluviale.
  • Phlaeng Faifa Fort. Parte della fortezza è ancora in perfette condizioni ed era un tempo a protezione di Nakhon Khuean Khan, un centro storico fortificato che durante il regno del re Rama I fu un’importante base navale alla foce del fiume Chao Phraya.
  • Prot Wat Ket Chettharam. L’unico tempio thailandese buddista della zona, risalente al regno di Rama II e realizzato in stile cinese, senza le tradizionali decorazioni del tetto in stile tailandese.
  • Si Nakhon Khuean Khan Public and Botanic Park. Parco pubblico istituito anche per lo studio del sistema ecologico della flora e della fauna locali.
  • Wat Bang Phli Yai Klang.Il tempio ospita un’immensa rappresentazione di Buddha reclinato di circa 53 metri di lunghezza, noto come Somdet Phra Sakayamuni Si Sumet Bophit.

Foto