Riverside Church

La Riverside Church “abbaglia” come un faro dal nord di Manhattan e anche se la sua posizione è un po’ isolata, questa chiesa ha ricoperto un ruolo fondamentale nelle vicende politiche e religiose del Paese, impegnandosi attivamente nella lotta per i diritti civili: qui hanno parlato oratori come Nelson Mandela e Martin Luter King. In una città traboccante di grattacieli, questo gioiello gotico resta la chiesa più alta degli Stati Uniti e si piazza al 24° posto tra i luoghi di culto più alti al mondo.

Ma al di là della bellezza architettonica, la Riverside Church è un punto di riferimento per intere  generazioni e in particolare per i residenti di Harlem e del quartiere Morningside Heights, in cui si trova la chiesa, non solo come luogo di ritrovo per pregare ma anche per il ruolo attivo che ancora oggi la Riverside Church gioca all’interno della comunità.
Se avete in programma di visitare la zona nord di Manhattan, non dimenticatevi dunque di inserire questa tappa nel vostro itinerario e approfittarne anche per fare un giro nella Columbia University, situata a pochi passi dalla chiesa. 

Visitare la Riverside Church

Il bellissimo campanile della chiesa che si può scorgere a distanza dal campus della Columbia University raggiunge quasi 120 metri d’altezza e cattura immediatamente lo sguardo per i suoi ricchi dettagli gotici. Il campanile ospita 74 campane di bronzo, tra cui una di 20 tonnellate che è la più grande al mondo. L’esterno è in realtà semplicemente decorativo perché l’edificio si regge su una struttura interna in acciaio.

L’entrata principale è sul lato ovest, alla base del campanile, e in alto, sopra la porta, si possono ammirare alcune sculture di Cristo affiancato dagli Evangelisti. All’interno della chiesa sono collocati anche tre opere d’arte dell’artista Heinrich Hofmann raffiguranti delle scene di vita di Gesù; i quadri furono donati da John Rockefeller.

Percorrendo la lunghissima navata si vedono ai lati numerose finestre dipinte, in cui si riconoscono alcune scene della Bibbia. La chiesa vanta anche uno degli organi a canne più grandi al mondo, che spesso accompagna le esibizioni del coro duranti i concerti che si tengono nella chiesa. Oltre ai concerti la Riverside Church ha in programma diversi spettacoli di teatro e danza che si svolgono nelle sale adiacenti alla chiesa durante tutto l’anno.
Essendo concepita come un centro sociale per la comunità, la chiesa comprende anche delle sale per gli incontri, un asilo, classi per fare lezioni ai bambini, una biblioteca e una palestra.

La chiesa sorge in una bellissima posizione, accanto alle rive del fiume Hudson e circondata dai giardini verdi di Riverside Park dove fare una passeggiata rilassante ammirando il ponte di  George Washington e in lontananza lo skyline del New Jersey. Nei pressi potete visitare anche lo splendido memoriale e mausoleo del Generale Grant.

Galleria Foto


Mappa:

Nome: Riverside Church


Nelle vicinanze:

By: Neal StimlerA 174 metri
By: David MerrettA 473 metri
book-culture-ny-22A 776 metri
By: Kevin JarrettA 897 metri
harlem-shake-hamburger-18A 1506 metri
momofuku-milk-bar-8A 2830 metri

La storia della Riverside Church

Completata nel 1930 con il sostegno finanziario del magnate John D. Rockefeller Jr., la Riverside Church fu concepita per essere un luogo di culto che prendeva le distanze da certe interpretazioni fondamentaliste della Bibbia: doveva essere una chiesa aperta alle idee progressiste e moderne e  più coinvolta e attiva nelle questioni riguardanti la comunità di fedeli.
Nacque così, in un quartiere importante per la città, un luogo di culto aperto a tutti coloro che credevano in Cristo. Lo stile architettonico gotico si ispirò alle grandi cattedrali francesi, dando forma ad un vero capolavoro molto apprezzato da fedeli e turisti.

Ma il vero punto di forza della Riverside Church è sempre stata la sua apertura al dibattito politico e religioso, che ha dato spazio alle opinioni di Martin Luter King contro la guerra del Vietnam e persino a Fidel Castro durante una delle poche visite negli Stati Uniti nel 1999; anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, ha tenuto un discorso qui subito dopo gli attentati dell’11 settembre del 2001.