Risparmiare sulla spesa

Tra i costi più elevati per una famiglia c’è sicuramente il cibo. Ci sono alcuni piccoli accorgimenti da fare per poter risparmiare centinaia di euro ogni anno sulla spesa.

Non serve cambiare totalmente le vostre abitudini, anche con pochi accorgimenti avrete un risparmio annuale davvero notevole.

Scegliere il supermercato

Ogni famiglia ha diverse esigenze, c’è poi chi vive in zone dove il supermercato più vicino si trova a vari chilometri, ma in linea di massima considerate che non sempre andare al supermercato “discount” che si trova a 15 minuti di macchina è conveniente. Tra le cose che dovete valutare ci sono:

  • Costo dell’auto per andare al supermercato: i soldi della benzina, il tempo e lo stress valgono veramente i pochi euro risparmiati in un supermercato lontano da casa?
  • Carte fedeltà: alla lunga quasi mai convengono in realtà, ne parlo più in basso.
  • Qualità dei prodotti: meglio la carne o il pesce scontato del discount o meglio la carne sana del macellaio vicino a casa, ma poco più costosa?

La scelta del supermercato dipende da voi, fatevi qualche calcolo prima di decidere un supemercato piuttosto che un altro.

Diventare bravi in cucina

Questo è forse il più grande segreto per risparmiare sulla spesa. Quando si va al supermercato si viene letteralmente sommersi da piatti pronti che sembrano, e spesso sono, la fine del mondo. Ma perché comprare delle scaloppine ai funghi da 19€ al chilo, quando facendole a casa in pochi istanti costerebbero il 70-80% in meno?
Fate un salto sui siti di ricette più famosi come Giallo Zafferano e imparate alcune ricette che vi piacciono. Se non siete già bravi in cucina non buttatevi sulle ricette più difficili ma iniziate da quelle facili che richiedono pochi minuti. Certo forse all’inizio è un po’ noioso se cucinare non vi piace, ma consideratelo come un investimento; alla lunga sono sicuro che vi piacerà molto cucinare. Imparare a fare alcuni piatti sfiziosi spendendo poco è qualcosa che vi rimarrà per tutta la vita. Per sempre mangerete bene, risparmiando, facendo colpo sui amici e partner.
Diventando bravi in cucina non ci sarà più bisogno di comprare piatti pronti e potrete prepararvi da soli qualsiasi cosa, in modo sano, anche da portarvi a scuola o al lavoro in pausa pranzo, con un risparmio medio del 60%.

Marche famose o no?

Si dice sempre che per risparmiare sarebbe bene evitare le marche più conosciute, ma è sempre la cosa giusta da fare? Decisamente no.
Se due confezioni di carta igienica hanno lo stesso numero di strappi e sono identiche ma una è di una marca famosa e l’altra no, è da preferire la più economica delle due, ma per i cibi non vale la stessa regola. Considerate anche gli ingredienti e la genuinità dei prodotti che acquistate. Se comprate una bottiglia di una bevanda gassata vi consiglio di comprare una marca conosciuta ad esempio, non sottomarche vendute a pochi centesimi al litro. Lo stesso vale per qualsiasi altro prodotto, ad esempio il panino con il prosciutto cotto da dare ad un bambino ogni giorno per merenda è meglio farlo con un prosciutto italiano senza conservanti che magari costa un po’ di più di un prosciutto fatto all’estero di bassa qualità.

Sconti e grandi acquisti

Di tanto in tanto i supermercati fanno sconti anche molto grandi su alcuni prodotti; in genere dopo il periodo natalizio ci sono grandi sconti che spesso arrivano anche al 30% su tutta la merce presente nel supermercato e durante l’anno ci sono spesso sconti dal 10% al 60%. Il mio consiglio è quello di adocchiare soprattutto prodotti che hanno una data di scadenza molto lontana in futuro.
Fate una piccola lista di quanto impiegate a consumare una bottiglia di olio d’oliva e/o per friggere, una confezione da 4 scatolette di tonno, spezie, carne in scatola, verdure in scatola, prodotti secchi ma anche detersivi e quant’altro.
Verificate poi la data di scadenza dei prodotti scontati presenti al supermercato ed acquistatene in grande quantità.
Questo richiede un certo investimento iniziale, oltre che la possibilità di un piccolo spazio possibilmente al buio dove tenere i prodotti di scorta a casa, però dopo la grande spesa iniziale alla lunga il risparmio si fa sentire.
Tanto per darvi un’idea se scegliete circa 600€ di prodotti che consumerete in circa 2 anni e li pagate con uno sconto del 30% avete un risparmio totale di 180€ che equivale a 90€ l’anno. Non è molto in questo caso, ma osservando spesso le offerte sui prodotti non deperibili ed acquistandone in grande quantità potete riuscire a risparmiare tranquillamente 150-200€ l’anno.

Comparare i prodotti

Un segreto che molti non conoscono o non mettono in atto per noia è comparare i prodotti osservando il costo al chilo o il reale contenuto.
Sembra forse assurdo parlare di carta igienica in questo caso, ma è un esempio che rende molto bene l’idea. Se osservate due pacchi di carta igienica da 4 rotoli, uno potrebbe costare 3,29€ ed uno 2,54€. In linea di massima ovviamente sareste tentati di acquistare quello da 2,54€, ma se osservate bene sulla confezione potete notare che quello più economico ha rotoli da 200 strappi, quello da 3,29€ ha rotoli da 500 strappi e cioè dura più del doppio. Quindi è decisamente più conveniente acquistare il pacco più costoso.
Spesso il packaging, cioè il modo in cui sono confezionati i prodotti, inganna. Ci sono grandi scatole di biscotti che contengono 300 grammi di biscotti e costano 4€ e scatole più piccole ma con stipati 500 grammi di biscotti a 4,60€.
Su ogni prezzo al supermercato c’è sia il costo del prodotto sia il costo al chilo. Quando fate una comparazione tra due prodotti che ritenete quasi simili verificate il costo al chilo. Ovviamente non è una cosa da fare ogni volta perché dopo che avete capito quali sono i prodotti che meglio vi soddisfano e che sono più economici vi butterete su quelli.

Affettati

Prosciutto, salame, culatello e mortadella sono veramente necessari per l’alimentazione? Decisamente no, e costano parecchio.
C’è da sottolineare che ci sono due tipi di usi degli affettati:

  • utili: pane e salame a colazione, panino col prosciutto per merenda ecc.
  • inutili: qualche fetta di crudo da mangiare con il secondo a pranzo o a cena ecc.

Se fate un uso utile, ad esempio preparate il panino da mangiare a pranzo al lavoro, allora comprate gli affettati, se invece ne fate un uso inutile come mangiare qualche fetta per puro sfizio, allora lasciate perdere e non comprateli.
Al banco frigo ci sono poi spesso affettati già incartati. Seguendo il precedente punto sul comparare i prodotti potete poi notare come il salame già affettato ed incartato costa 29€ al chilo (e magari contiene molti conservanti), mentre al banco costa 16€ al chilo. Non fatevi imbrogliare dalla confezione. Spesso per comodità si prendono gli affettati al banco frigo per saltare la coda al banco salumi, ma se volete risparmiare aspettate 5 minuti e fatevi affettare al momento quello di cui avete bisogno.

Formaggi

Anche i formaggi sono costosi e non sempre “necessari“. Sono una grande fonte di calcio e sono utilissimi soprattutto per i bambini, ma invece di comprare formaggi da 16€ al chilo comprate quelli più economici da 8€ al chilo. Spesso il formaggio viene mangiato come sfizio e non come reale necessità, pensateci quando li acquistate!

Non sprecare cibo

In qualsiasi caso, non sprecate cibo. Comprate molte scatole ermetiche per mettere il cibo in frigorifero il cibo avanzato senza alterarne il sapore e mangialo il giorno seguente.
Se preparate qualche delizia in grande quantità aspettate che si raffreddi e poi la parte che non mangiate congelatela, per poi riscaldarla quando servirà.

Carte fedeltà

Il risparmio dato dalle carte fedeltà dipende soprattutto dal supermercato in cui andate. Ci sono supermercati in cui il risparmio è reale ed evidente, altri invece in cui si ha un risparmio solo su pochissimi prodotti selezionati ogni mese e non c’è alcun beneficio così grande da poter ritenere utili le carte fedeltà. Certo magari andando in un supermercato potete risparmiare 100€ in un anno con la carta fedeltà, ma andando in un supermercato lì vicino che ha prezzi minori avreste pagato ancora meno senza carta fedeltà.
Non fatevi quindi imbrogliare dalle “carte”, perché quasi mai consentono di risparmiare più di tanto.

Mangiare prima di comprare

Se possibile, prima di andare al supermercato fatevi una bella mangiata, non andate digiuni. Andare al supermercato a digiuno significa esporsi a tutta una serie di prodotti che si mangiano solo per sfizio e non per necessità.

Guardate ovunque

I supermercati sanno bene dove mettere i prodotti più costosi e dove nascondere quelli più economici. Quando acquistate qualcosa, guardate sempre in alto e in basso, non fermatevi ad altezza occhi.