Museo del Ramen a Yokohama

Il Ramen Museum, interamente dedicato all’omonima zuppa giapponese, è stato aperto nel 1994 ed è situato a Yokohama. All’interno del museo sono ospitati punti vendita appartenenti a celebri catene, come ad esempio Ide Shoten, Shinasobaya, Keyaki, Ryushanhai e Komurasaki. Il museo ospita inoltre vari punti vendita dove poter acquistare prodotti alimentari, mentre al piano terra vi è un negozio di souvenir che vende ciotole di ramen, utensili da cucina, confezioni di ramen sottovuoto, piatti, portamatite, borse, cartoline, libri di cucina ecc.

Il museo si sviluppa su tre piani, al primo dei quali (che corrisponde al piano terra) si trova la parte museale, con esposizioni dedicate al celebre piatto giapponese e alla sua storia, oltre al negozio ufficiale dove poter acquistare vari snack e confezioni sottovuoto di ramen, utili per preparare il ramen comodamente a casa e in maniera istantanea, semplicemente versando acqua bollente sul contenuto della busta. Nei due piani seminterrati è stata ricreata l’atmosfera retrò del Giappone anni ’50 e ’60, epoca particolarmente cara a molti nostalgici.

Più che un museo ordinario, si tratta di una specie di parco a tema storico e, a differenza della maggior parte dei musei, resto aperto fino alle 23, per accogliere coloro che desiderano fermarsi qui e cenare in maniera speciale.
L’esposizione vera e propria prevede numerosi display, utensili vari per la preparazione del ramen, oltre 300 ciotole, bacchette, tessili e grembiuli, pannelli interattivi, confezioni di ramen provenienti da tutto il mondo e monitor che tramettono non stop i vari spot di ramen degli ultimi 25 anni. Tra gli oggetti più particolari, una replica del primo piatto di ramen mai mangiato, ossia quello consumato da un samurai del 17 ° secolo di nome Mito Komon.
Due diorami mostrano poi il funzionamento di una fabbrica di ramen istantaneo, mentre vari videogiochi a tema sono a disposizione dei visitatori più giovani.

Il ramen

Il ramen è un tipico cibo giapponese che assomiglia vagamente ad un piatto di tagliatelle in brodo. Nella parte meridionale del Giappone, è assai diffuso il brodo di carne di maiale, mentre al nord si preferisce un brodo di pollo o a base di verdure, o a base di pesce. A seconda delle preferenze personali, il brodo può essere preparato a piacimento, ad esempio con la salsa soia. Molti sono gli ingredienti che possono essere aggiunti al ramen, come carne di maiale arrosto e germogli di bambù. Al Museo Ramen è possibile sperimentare varie versioni di ramen: è sufficiente inserire i soldi in apposite macchinette, scegliere il tipo di ramen desiderato e ritirare un biglietto con il quale poter entrare nel negozio e ritirare il proprio piatto.

I piani sotterranei

Nei due livelli seminterrati il museo ricrea l’atmosfera dello storico quartiere popolare Shitamachi, un tempo animato da piccoli negozi, case e ristoranti, quando la rapida modernizzazione non aveva ancora stravolto l’aspetto della città giapponesi.
Ramen Town” è come una Disneyland in miniatura, dove poter rivivere il Giappone più autentico, rispolverandone vecchie abitudini, soprattutto in campo alimentare, come ad esempio i venditori di zucchero filato e dolci, i cartelloni pubblicitari degli anni cinquanta e i bar vecchio stile dove gustare dell’ottimo sake. In quest’area sono inoltre presenti le rappresentanze di otto celebri catene di vendita di ramen, scelte con cura tra decine di migliaia in tutto il paese, e dove si servono varie specialità di ramen, a seconda della città di provenienza, tra le quali Sapporo, Fukuoka, Kumamoto, Preda e Tokyo. I due negozi di Kyushu (Hakata e Kumamoto) servono le loro tagliatelle in un brodo di carne di maiale a cottura lenta, mentre il resto dei negozi serve zuppe a base di salsa di soia e con varie combinazioni di carne di maiale, pollo e frutti di mare. Ogni negozio è caratterizzato da una sua tipologia di ramen e da una particolare scelta di condimenti.

Foto










Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!