Museo Nazionale di Bangkok

Un viaggio emozionante nella storia della Thailandia, dall’epoca preistorica fino ai giorni nostri spaziando nel mondo dell’arte e della religione: è così che si può riassumere in poche parole una visita al Museo Nazionale di Bangkok, una tappa imperdibile per gli amanti di storia e arte, ma anche per chi vuole capire meglio la Thailandia in tutte le sue sfaccettature. Si tratta forse del più importante museo del Paese e anche quello che più di tutti rappresenta un buon punto di partenza per la vostra vacanza in Thailandia perché ne uscirete sicuramente arricchiti e con una maggiore conoscenza sull’affascinante passato di questa terra e sulla cultura locale.

Vi consiglio di prendervela con calma e dedicare un po’ di tempo alla visita, considerate anche le dimensioni del museo: si sviluppa su un complesso di vari edifici, ciascuno con numerose sale espositive ricche di tesori. Voluto da Re Rama V per ospitare le opere e gli oggetti preziosi appartenuti al padre, il museo si è poi ampliato ed oggi ospita la più vasta e interessante collezione del Paese, che comprende reperti antichi, opere d’arte e statue di Buddha.

Cosa vedere al museo

Il museo è ospitato all’interno del Wang Na, chiamato anche il “palazzo di fronte”, che in passato era la residenza dei viceré prima che questo titolo venisse abolito.

Il primo edificio che vi troverete di fronte dopo aver superato l’ingresso è la Sivamokhapiman Hall che ospita la Galleria di Storia Thailandese. Qui potrete avere una dettagliata introduzione sul passato del Paese, curiosando tra una serie di manufatti, sculture, dipinti e reperti storici risalenti a varie epoche dalla preistoria fino ai tempi moderni, passando attraverso i regni che si sono succeduti nel corso dei secoli, tra cui il regno di Lanna, Sukhotai e Ayutthaya.

Accanto alla galleria si trova l’antica Phra Thinung Phutthaisawan, che in origine era la sala delle udienze del palazzo. Oggi è diventata un luogo di culto, in cui i fedeli possono riunirsi a pregare di fronte alla statua dorata del Phra Singh Buddha, che risplende sopra un altare al centro della sala, dove in origine era posizionato il trono del re; si tratta in realtà dell’ennesima riproduzione della famosa statua che si trova nei templi di Chiang Mai, Chiang Rai e Nakorn Si Thammarat.  Prendetevi del tempo per ammirare gli interni, decorati con splendidi affreschi raffiguranti le scene della vita di Buddha.

Il percorso che conduce al museo passa accanto alla Throne Hall, l’antica sala del trono oggi utilizzata per le mostre temporanee; sul retro ci sono gli edifici ad uso abitativo circondati da giardini.

Negli edifici centrali che compongono il palazzo si trovano invece varie sezioni dedicate principalmente all’arte. Le numerose sale espositive ospitano una varietà di tesori straordinari, tra cui pietre preziose e gioielli, costumi e tessuti, maschere e oggetti usati nel teatro tradizionale kohn, strumenti musicali, ceramiche variopinte e una collezione di armi antiche.

Nell’ala nord si trova quella che forse è la parte più interessante della collezione; qui le sale sono suddivise in vari periodi storici e ciascuna espone sculture, reperti antichi, statue di Buddha e oggetti di vario genere.

Proseguendo nella visita si arriva alla “casa rossa” Taman Daeng, l’ex residenza della moglie di Rama II. L’interno dell’edificio è ancora arredato con i mobili originali e si possono ammirare alcuni oggetti appartenuti alla regina, che offrono tanti indizi sullo stile di vita di quell’epoca.  Tra la casa rossa e il palazzo si trova uno dei tanti magnifici padiglioni, un vero gioiello architettonico con il tipico tetto tradizionale thailandese e decori sfarzosi.

Proseguendo verso la parte nord si arriva ad un altro edificio dove sono custodite le carrozze cerimoniali utilizzate dalla famiglia reale durante gli eventi principali.

Informazioni generali per la visita

Il Museo Nazionale è aperto dal mercoledì alla domenica dalle 09:00 alle 16:00, il biglietto di ingresso costa 200 baht. Il mercoledì e il giovedì dalle 09:30 sono disponibili dei tour guidati gratuiti in inglese e francese organizzati da volontari; è possibile inoltre richiedere una visita guidata in altre lingue su prenotazione.

Il modo migliore per raggiungere il Museo Nazionale è in traghetto, scendendo al molo Chang Pier o Banglampoo Pier e poi proseguire a piedi per un breve tratto.


Mappa:

Nome: Museo Nazionale di Bangkok


Nelle vicinanze: