Giardino Kyu Shiba Rikyu

Nascosto tra i giganteschi grattacieli della sconfinata metropoli, il giardino Kyu Shiba Rikyo è il luogo ideale per passeggiare immersi nel verde o fare un picnic sulle rive del lago, circondati dai profumi e dai colori dolci della vegetazione.

Questa oasi verde è anche il luogo perfetto per trascorrere una giornata con tutta la famiglia grazie ai numerosi spazi dedicati ai bambini, i quali sicuramente si divertiranno a giocare e ad osservare i tanti piccoli animali che popolano il parco. Inoltre, il giardino Kyu Shiba Rikyu è anche la meta preferita dagli appassionati di storia e cultura, poiché in questo incantevole ex giardino imperiale, considerato oggi uno dei parchi pubblici più belli del Giappone, si possono ancora scorgere le tracce di un passato ricco e fiorente: gli anni del periodo Edo.

Galleria Foto


Mappa:

Nome: Giardino Kyu Shiba Rikyu


Nelle vicinanze:

giardini-hamarikyu-fA 660 metri
ootoya-fA 860 metri
tempio-zojo-ji-fA 912 metri
chaya-macrobiotics-foA 954 metri
shiodomeA 1011 metri
uogashi-nihon-ichi-fA 1064 metri

La storia

In origine il giardino Kyu Shiba Rikyu faceva parte della residenza privata del samurai Okubo Tadamoto, membro della famiglia Okubo. All’epoca il giardino portava il nome di Rakujen e il suo bellissimo e particolare design fu opera degli stessi architetti di giardini che progettarono le proprietà Odowara. Quest’area verde inizialmente comprendeva anche un tratto di spiaggia della baia di Tokyo che dava un tocco “esotico” a questo luogo, ma poi la zona della spiaggia venne ripresa dal governo. Nel grande terremoto del 1923 tutti gli edifici che si trovavano nel giardino, tra cui una villa imperiale, andarono distrutti e Kyu Shiba Rikyu fu donato alla città di Tokyo. Dopo alcuni mesi di ristrutturazione il giardino aprì i suoi cancelli al pubblico nel 1924 e questo luogo di enorme valore storico fu classificato tra i luoghi più belli del paese.

Tra fauna e flora

All’interno del giardino potrete godervi una passeggiata rilassante intorno al lago centrale percorrendo il sentierino circolare che si snoda tutto attorno ad esso. In origine l’acqua del lago era salata poiché proveniva direttamente dal mare, mentre oggi è a tutti gli effetti acqua dolce in cui hanno trovato casa tantissime specie animali, tra cui anatre, carpe e papere che fanno compagnia ai volatili che abitano nel parco, tra cui bellissimi aironi. Camminando sui due ponticelli che attraversano il lago potrete raggiungere i quattro isolotti che emergono dalle sue acque. L’isolotto più grande e centrale si chiama Nakajima ed è ricoperto di rocce che rappresentano le montagne che circondano il Fiume dell’Ovest a Hangzhou, da cui trae ispirazione il lago. Un tratto delle rive del lago è ricoperto di sabbia, una sorta di piccola spiaggia dove potete distendervi a prendere il sole, ma ricordatevi che non è consigliato nuotare nel lago.

Dopo esservi rilassati sulle rive del lago, recatevi verso la piccola collina del giardino, Oyama. Qui potrete ammirare una lanterna in pietra e una piccola cascata realizzata interamente in rocce;  dall’alto della collinetta potrete godervi un panorama a 360 gradi sul giardino.

La stagione migliore per visitare il giardino è sicuramente la primavera quando i fiori e i glicini fioriscono inondando l’area di colori e rendendo questo luogo la meta perfetta per un picnic o semplicemente per trascorrere qualche attimo all’aria aperta. In questo periodo dell’anno la natura si risveglia e potrete ammirare le varie specie vegetali, tra cui alberi di canfora, azalee e iris, all’apice della loro bellezza. Potete anche approfittarne per fare jogging nel parco o divertirvi al tiro con l’arco nel campo situato all’interno del giardino; se avete dei bambini c’è uno spazio dedicato anche a loro con un campetto e un’area giochi.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!