Koryu-ji

Sede del Buddhismo Shingon, il tempio Koryuji è anche il tempio più antico di Kyoto. Custodisce al suo interno numerose statue ed altri tesori dal valore inestimabile e considerati una parte fondamentale del patrimonio culturale giapponese.

Il tempio è circondato da bellissimi e ben curati giardini e un piccolo stagno, che regalano al luogo una cornice suggestiva e un’atmosfera di serenità. Il tempio Koryuji si trova nella zona ovest di Kyoto, vicino ad un altro luogo molto importante per la cultura giapponese: gli antichi studi cinematografici in cui il grande regista giapponese Kurosawa era solito girare i suoi capolavori.

Mappa:

Nome: Koryu-ji


Nelle vicinanze:

ryoanji-headerA 2342 metri
prunus-kyoto-fA 2382 metri
kappa-zushi-fA 2476 metri
tenryu-ji-fA 3045 metri
mos-burger-fA 3208 metri
tempio-oro-kyoto-headerA 3327 metri

Uno scrigno per custodire un tesoro

Il tempio risale al lontano 603 e la sua storia è abbastanza singolare. Infatti, il tempio è stato costruito per custodire quella che oggi è l’attrazione più famosa di questo luogo, ovvero la statua del Bodhisattva. La costruzione fu frutto dell’ingegno di Hata no Kawakatsu che, dopo aver ricevuto in dono la statua dal principe Shotoku Taishi, un grande sostenitore e promotore della religione buddista, decise che un tesoro di tale bellezza necessitava di uno scrigno per essere custodito: così nacque il tempio Koryujii. Questo complesso fu danneggiato, e a volte completamente distrutto, da numerosi incendi e poi ricostruito; per questo l’aspetto odierno non rispecchia fedelmente l’originale.

I tesori del tempio

Entrando nel tempio potete ammirare i meravigliosi giardini e, in seguito, visitare l’interno degli edifici che compongono il complesso. L’edificio che attira il maggior numero di visitatori è sicuramente la Reihoden, ovvero la Casa del Tesoro, dov’è custodita la statua del Bodhisattva insieme ad altre antiche statue e sculture, alcune delle quali risalgono a ben 1.000 anni fa.  La statua del  Bodhisattva, chiamata anche “Miroku-Bosatsu-Hanka-Shii-zo”, raffigura il Buddha nella posizione del semi-loto mentre il capo assume un atteggiamento meditativo: la leggenda narra che il Buddha stia riflettendo sul futuro del genere umano e, proprio per questo motivo, viene anche chiamato “il Buddha del Futuro”. Si pensa che la statua fosse stata donata al principe Shotoku Taishi dalla famiglia reale coreana e che in origine fosse probabilmente ricoperta d’oro. Oggi la superficie in oro non è più visibile, ma si può ammirare lo strato sottostante, realizzato in legno.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!