Jingo-ji

A nord-ovest di Kyoto, immerso nella meravigliosa natura e nella quiete di Takao (la zona di Kyoto, non l’omonima montagna di Tokyo), si trova il tempio buddista Jingo-ji.

É il luogo perfetto per chi desidera conoscere la vera cultura giapponese, che si basa sulla ricerca e sull’apprezzamento della semplicità delle cose, siano esse naturali o create dall’uomo. Questo tempio, sede del buddismo Shingon, è appunto un connubio tra la semplicità e l’architettura tradizionale, il tutto circondato dalle bellezze della natura e da spazi aperti che danno un senso di infinito.

Questo luogo è visitato da tantissimi turisti, amanti della natura e desiderosi di conoscere la cultura giapponese, ma anche da numerosi pellegrini che considerano questo tempio il luogo perfetto per la meditazione e la preghiera.

Mappa:

Nome: Jingo-ji
Orario: Dalle 9 alle 16


Nelle vicinanze:

prunus-kyoto-fA 4230 metri
tenryu-ji-fA 4367 metri
ryoanji-headerA 4880 metri
tempio-oro-kyoto-headerA 5590 metri
daitoku-ji-fA 6950 metri
musashi-sushi-fA 7334 metri

Centro del buddhismo Shingon

Il tempio Jingo-ji nacque nel lontano 824 dalla fusione di due templi costruiti dal grande statista Wake no Kiyomaro.  Fu lui stesso a dare al nuovo tempio il nome Jingokokusoshingon-ji, che significa “tempio Shingon per la protezione divina del paese”. Per alcuni anni il tempio fu la dimora del monaco Kukai, il fondatore della scuola Shingon e per questo il tempio divenne la sede di questo ramo del Buddismo e il principale centro di insegnamento di questa dottrina. Come accadde per altri templi, anche Jingo-ji venne danneggiato da guerre ed incendi e fu ricostruito più volte nel corso dei secoli. Ad oggi, l’unico edificio originale è il Daishi-do, mentre tutte le altre strutture risalgono al 1600, epoca in cui venne avviata una grande opera di ristrutturazione realizzata da Toyotomi Hideyoshi e dalla famiglia Tokugawa.

I tesori del tempio

Una volta giunti al tempio potrete visitare gli edifici che compongono il complesso e ammirare i tesori custoditi al loro interno.
Il tempio è dedicato al Buddha della Guarigione o Buddha della Medicina e la statua della divinità buddista (honzon) Yakushi Nyorai è ospitata all’interno del Kondo. Oltre a questa meravigliosa opera, il tempio custodisce altri tantissimi capolavori considerati tra i più importanti tesori nazionali del Giappone. Uno di questi è la cosiddetta “Lista dei Nomi di Abhiseka” ed è una lista  di nomi di persone e divinità che si sottoposero al rituale di Abhiseka nell’anno 812 e fu redatta dallo stesso Kukai che diede così sfoggio del proprio innato talento nella calligrafia. All’interno del tempio potrete ammirare altre statue (in totale sono sedici) raffiguranti Fudo Myoo e altre divinità che sono custodite all’interno del Godai-do e curiosare tra antichissimi volumi, tra cui il Sutra Buddista “Bimashokyo” che rappresenta uno dei testi della raccolta buddista Issaikyo. Questa raccolta era originariamente composta da 5,400 volumi, ma solo 2,317 sono ancora custoditi nel tempio.

Il tempio si affaccia sul fiume Kiyotaki ed una “cerimonia” molto famosa è il Kawarake-nage, ovvero il lancio di piccole monetine di argilla portafortuna giù dal dirupo kin’unkei. Si dice che chi riesce a lanciare queste monetine nel fiume terrà lontana la sfortuna, ma in ogni caso potrete regalarvi qualche istante di divertimento e al tempo stesso ammirare lo splendido panorama della valle, la cui bellezza è difficile da descrivere a parole. Per raggiungere il punto in cui potete acquistare e lanciare queste monetine dovete recarvi ai giardini dell’area Chizo-in del tempio.

Una bellezza per ogni stagione

Rispetto al altri templi di Kyoto, Jingo-ji si colloca in una posizione isolata e leggermente più distante dalla città.

La strada che porta al tempio è molto panoramica e offre una vista spettacolare sulla valle. Prendetevi del tempo per passeggiare in tutta tranquillità e godervi questo meraviglioso paesaggio. La natura incornicia il tempio dandogli un tocco romantico e pittoresco che varia a seconda delle stagioni: in primavera la natura si risveglia e si colora con la fioritura dei ciliegi; in autunno i colori caldi degli aceri regalano un paesaggio suggestivo che attira molti visitatori; in inverno la magia della neve che ricopre la valle trasforma questo luogo in un paesaggio da libro delle favole. Se avete del tempo a disposizione e siete amanti della natura, vi consiglio anche una passeggiata sul sentiero Kiyotachi Michi che vi condurrà fino al fiume Kiyotachi e al piccolo villaggio dove, passeggiando tra le vie, potrete conoscere le tradizioni e le abitudini degli abitanti di questo luogo.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!