Hikikomori

Si dice che circa 50,000 persone in Giappone sono hikikomori, cioè vivono rinchiusi nella propria stanza senza fare niente da mattina a sera e vivono mantenuti dai genitori. Queste sono stime molto prudenti, in realtà sono molti di più e potrebbero essere tra i 100,000 e i 300,000.

Sono persone che un bel giorno decidono di isolarsi dal resto del mondo e passano le giornate dormendo, guardando la TV, navigando su internet e facendo qualche hobby. Non hanno amici e mangiano quello che i genitori portano loro in camera.
Molto raramente escono di casa, ma solo per andare in un conbini per acquistare qualcosa da mangiare o più raramente per andare in un negozio per acquistare qualcosa.

Questa condizione può durare solo qualche mese ma spesso dura anche 15-20 anni. E’ una situazione assurda e drammatica e il governo giapponese ha già detto che nel 2030 quando molti genitori moriranno per gli hikikomori ci sarà un difficilissimo reinserimento sociale dato che avranno una certa età e dovranno trovare un lavoro, il che sarà quasi impossibile.

Le cause

Come per tutte le condizioni di disagio non c’è solo una causa. Si dice che alcuni lo diventano a causa del comportamento troppo protettivo o menefreghista dei genitori, per colpa dei padri troppo occupati con il lavoro, per via della pressione del mondo scolastico giapponese, per colpa del bullismo o semplicemente per una crisi adolescenziale che da soli non riescono a risolvere.
Molti hikikomori sono depressi e soffrono del disturbo ossessivo compulsivo.

Diversi dai mammoni italiani?

I giapponesi hanno lo stereotipo che gli italiani sono dei mammoni. Certo non è uno stereotipo del tutto sbagliato, io sono andato a vivere da solo intorno ai 22 anni ma non è raro vedere italiani di 30-40 anni che vivono con la mamma.
Di mammoni in Italia ce ne sono tanti, a causa dei problemi nel trovare un buon lavoro, a causa del costo della vita o spesso a causa del fatto che fa comodo trovare tutto lavato, stirato e un piatto caldo sempre pronto.
I mammoni italiani sono tantissimi e non sono una piccola percentuale come lo sono gli hikikomori. Quando un giapponese vi fa notare lo stereotipo degli italiani mammoni fate notare loro che “noi” almeno andiamo al lavoro e ci comportiamo da persone normali pur vivendo coi genitori mentre in Giappone gli hikikomori non sono un numero poi tanto ristretto e oltre a vivere alle spalle dei genitori stanno rinchiusi in una stanza senza dare alcun contributo alla società.

Il caso di Takashi Kotegawa

Molti Hikikomori eccellono in alcune cose, a volte futili a volte no, come nel caso di Takashi Kotegawa, un hikikomori che con un piccolissimo investimento è diventato milionario acquistando e vendendo titoli di borsa stando nella sua camera dove si era rinchiuso.

Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!