I compiti della sposa

Organizzare un matrimonio è per molti una fonte di stress, discorso che sembra essere ancora più fondato quando lo si affronta dal punto di vista della sposa, questo perché molte donne, per natura, tendono a voler avere sotto controllo tutti gli aspetti in gioco, rimproverando talvolta i propri compagni di non sostenerle e supportarle a sufficienza.

Se tra le attività da condividere con il futuro sposo rientrano lista degli invitati, lista nozze e decisione del viaggio di nozze, vi sono poi altri compiti che spettano esclusivamente alla sposa. Eccone alcuni.

Make-up e dintorni

Un buon 50% delle preoccupazioni della sposa sono legate agli aspetti estetici: scelta dell’abito, scelta dell’acconciatura e trucco. Ecco perché uno dei compiti essenziali e non delegabili riguarda proprio il lato estetico. A meno che una non sia esperta di trucco e capelli, la cosa migliore è optare per un bravo professionista, sia per quanto riguarda il trucco per il giorno delle nozze, sia per l’acconciatura. Chi ha un proprio parrucchiere di fiducia potrà affidarsi ai suoi consigli, mentre per il trucco si potrà chiedere a qualche amica particolarmente esperta o in alternativa rivolgersi ad un make-up artist.
Per quanto riguarda l’abito, la scelta richiede ovviamente molto tempo e molta pazienza, recandosi in vari negozi per provare e vagliare diverse soluzioni. Si sa, per molte donne l’abito di nozze è probabilmente la preoccupazione principale e sebbene la tradizione vuole che sia la famiglia dello sposo ad occuparsene dal punto di vista economico, la scelta del modello non può che essere a discrezione di colei che lo indosserà.

La scelta del menu

Solitamente la sposa si occupa dell’assaggio e della scelta di ciò che verrà servito al ricevimento, con un occhio al budget, al proprio gusto personale, a quello del futuro sposo e alle possibili aspettative degli ospiti.

La lista nozze

Quando si tratta di acquisti le donne sanno certamente come muoversi. La scelta del negozio nel quale fare la lista di nozze solitamente spetta alla sposa, che in via del tutto teorica sa come muoversi e quali oggetti potrebbero rivelarsi più utili e necessari nella vita quotidiana. Condividere questo momento con il futuro sposo è naturalmente consigliabile, se si vuole evitare che quest’ultimo rinfacci scelte poco appropriate, ma tradizionalmente quello della lista nozze è uno dei compiti che spettano indiscutibilmente alla sposa.
Se la scelta dovesse ricadere invece su un viaggio, il compito andrebbe invece a coinvolgere anche il partner, dal momento che la destinazione deve ovviamente soddisfare entrambi.

Il percorso verso l’altare

Nella quasi totalità dei casi, il padre della sposa accompagna la figlia verso l’altare, uno dei momenti più emozionanti della cerimonia. Ma proprio per il fatto che la protagonista indiscussa di questo momento è la sposa, spetta a lei scegliere le modalità con cui percorrere il breve tragitto verso l’altare: eventuale musica di accompagnamento, damigelle al seguito ecc.

L’addio al nubilato

Dire addio alla propria vita da donna non sposata è un momento che molte donne scelgono di trascorrere insieme alle amiche più fidate, pertanto ogni aspetto connesso all’organizzazione di questa serata speciale è ovviamente a cura della futura sposa.

La condivisione

Condividere la maggior parte degli aspetti organizzativi del matrimonio è un punto importante per la serenità della coppia nei momenti che precedono il giorno delle nozze. Troppe volte ci si concentra sul voler far sì che tutto vada come preventivato e si trascura di passare del tempo proprio in compagnia della persona che si sta per sposare. Se la futura sposa si lascia travolgere dallo stress che accompagna l’organizzazione dell’evento è facile che ciò provochi dissapori con il futuro marito. Le donne tendono ad auto commiserarsi per il fatto di avere tutto sulle loro spalle, quando in realtà non dovrebbero fare altro che aprire il loro cuore al compagno, confidandogli paure, ansie ed aspettative: solo così ci si proietta nel modo migliore verso il giorno tanto atteso. Un po’ di ansia pre-matrimonio è del tutto normale, se si pensa al fatto che si sta per prendere un impegno per tutta la vita.