Cerimonia del tè

La cosa che mi ha stupito durante il mio primo viaggio in Giappone è che alcuni giapponesi a cui ho chiesto non avevano mai assistito alla cerimonia del tè, chiamata Cha no yu, considerandola noiosa. In effetti forse per chi ha sempre abitato in Giappone potrebbe non sembrare interessante una cerimonia storica che può durare più di un ora.

Si tratta di un modo di preparare il tè verde che segue un rito in cui gesti e piccoli movimenti sono ripetuti con una sequenza ben determinata e generalmente si tiene presso ambienti tradizionali con tatami e/o con viste su giardini giapponesi.

Durante la cerimonia ci sono quattro aspetti principali da rispettare che sono stati imposti dal monaco buddista Sen no Rikyū e sono l’armonia, il rispetto, la purezza e la tranquillità.
Lo strumento forse più celebre durante questa preparazione è il Chasen, il frullino con il quale si mescola il tè verde che poi viene servito con un okashi, cioè un piccolo snack dolce ma dal sapore tenue che contrasta il sapore amarognolo del tè matcha.

Dove assistere alla cerimonia

Come potete leggere sul sito del turismo giapponese, a Tokyo potete assistere alla cerimonia del tè in vari hotel e zone, scegliete quella che più preferite.



Ti consiglio di venire in Giappone con GiappoTour! Il viaggio di gruppo in Giappone con più successo in Italia, organizzato da me! Ci sono pochi posti disponibili, prenota ora!